Milano, tassista abusivo arrestato: violenza sessuale su due donne

Le indagini della Squadra Mobile, guidata da Lorenzo Bucossi, hanno portato al fermo dell'uomo. Si tratterebbe di un 30enne accusato di aggressione sessuale ai danni di due passeggere, in due distinti episodi che sarebbero avvenuti a distanza di circa un anno l'uno dall'altro. Preziose le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza.

da , il

    Milano, tassista abusivo arrestato: violenza sessuale su due donne

    Violenza sessuale su due donne: è con quest’accusa che un tassista abusivo è stato arrestato a Milano. Le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile, guidata da Lorenzo Bucossi. Si tratterebbe di un 30enne, il cui identikit era stato tracciato grazie alle dichiarazioni delle vittime. Fondamentali anche le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza. Eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

    L’identikit del presunto aggressore grazie ai racconti delle vittime

    Le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza sarebbero state il decisivo input per l’arresto del 30enne, le cui aggressioni erano state denunciate da due donne.

    Secondo l’accusa, avrebbe abusato di loro, e le condotte contestate si sarebbero verificate a distanza di circa un anno l’una dall’altra. L’uomo arrestato non avrebbe precedenti specifici.

    Il precedente a Milano

    Non si tratta di una violenza isolata: nel novembre scorso, un altro tassista abusivo, 28enne originario di El Salvador, venne arrestato con l’accusa di aver violentato una turista canadese. L’episodio risaliva al 17 settembre 2017, e l’aggressione sarebbe avvenuta a bordo di una vettura nei pressi del Parco Lambro, a Milano.