Milano, ragazza di 20 anni uccisa in casa: si sospetta del 40enne che la ospitava

Una ragazza di 20 ani è stata ritrovata morta questa mattina in un'abitazione di Via Brioschi a Milano, dove vivono solo dipendenti atm. Secondo le prime ricostruzioni la giovane sarebbe morta a causa di due coltellate inferte intorno alle 4 del mattino. Al vaglio degli inquirenti la posizione di un tranviere 40enne, che, assieme alla moglie, ospitava la giovane dopo un passato difficile. Da chiarire il movente: forse un tentativo di approccio respinto che avrebbe scatenato la violenza

da , il

    Milano, ragazza di 20 anni uccisa in casa: si sospetta del 40enne che la ospitava

    Una ragazza di 20 anni è stata uccisa a coltellate in un’abitazione di via Brioschi a Milano. L’omicidio è avvenuto in una palazzina di dipendenti atm, al vaglio degli inquirenti la posizione di un tranviere, 39 anni che vi abitava con la moglie. Ancora poco chiare le dinamiche della violenza: secondo i primi accertamenti sul corpo, la ragazza sarebbe stata uccisa da due coltellate alle 4 del mattino, anche se il delitto è stato scoperto solo alle 10.30 del mattino.

    Ventenne uccisa a coltellate: sospettato tranviere

    Negli ultimi giorni, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, i due sarebbero stati visti passeggiare insieme in un giardino della zona. “Ho fatto un guaio grosso”, avrebbe detto questa mattina l’uomo passando in portineria, secondo quanto riferito da alcuni condomini dello stabile di via Brioschi. La giovane avrebbe avuto alle spalle un passato difficile, ed era forse ospite presso la coppia, dopo un passato in comunità.

    Il tranviere sospettato dell’omicidio della ragazza e la moglie sono stati descritti dai condomini di via Brioschi come “persone schive e un po’ scostanti”. Ancora non si sa se la moglie fosse presente in casa al momento dell’omicidio: è stata portata in caserma in lacrime per essere ascoltata, mentre il marito si trovava ancora nell’appartamento insieme con la mobile e le scientifica per ricostruire l’accaduto.

    Ragazza uccisa a coltellate, ancora da chiarire il movente

    Ancora da chiarire il movente dietro il gesto: l’uomo potrebbe aver aggredito la ragazza dopo un tentativo respinto di approccio. È stato proprio l’uomo- che pare abbia precedenti per stalking- a chiamare i soccorsi questa mattina. “Ho una ragazza morta in casa” avrebbe dichiarato al portinaio, con ancora i vestiti sporchi di sangue. La versione del sospettato- come afferma La Repubblica- secondo le prime dichiarazioni fatte alla polizia, è che si sia trattato di “una colluttazione mentre lei mi stava per fare un’iniezione per il diabete”.