Michelle Obama vieta Facebook alle figlie: è pericoloso

da , il

    Michelle Obama è una mamma molto attenta e affettuosa. Il suo ruolo di first lady d’America, che la vede costantemente impegnata a presenziare a cerimonie, eventi, inaugurazioni, per non parlare dei viaggi ufficiali a fianco del marito e presidente Barack, non sembrano distoglierla dal suo compito di madre. Le due first daughters Malia e Sasha, rispettivamente di 12 e 9 anni, oltre che essere due belle bambine molto molto fortunate, privilegiate, direi, sono però anche due minori come tutte le altre, che amano la tecnologia e navigare su internet.

    E a proposito del web e delle insidie nascoste nei meandri della rete, che minacciano soprattutto il mondo dell’infanzia a la sua innocenza, la signora Obama ha preso una decisione drastica che ha rivelato alla nazione in diretta televisiva, durante la trasmissione (seguitissima) Today Show della Nbc: vietare Facebook alle figlie, giudicandolo pericoloso.

    Lo scopo è proteggere le sue bambine, evitare che accedano al social network più democratico e frequentato del globo è in linea con le misure di sicurezza che circondano il Presidente degli Stati Uniti e la sua famiglia, naturalmente. Ma vi sono anche altre ragioni, ha spiegato la first lady, di carattere più generale: “Non mi piace che i bambini abbiano Facebook. Non è qualcosa di necessario, almeno per il momento. Magari se ne riparlerà quando saranno più grandi”.

    Logicamente, a nessuno sfugge che l’attenzione mediatica di cui godono le due “prime figlie” d’America non è certo la stessa di tutte le altre bambine, e appunto in molti si sono chiesti se Malia e Sasha saranno libere di crearsi un proprio profilo personale su FB una volta che il padre lasci la Casa Bianca, cosa che potrebbe accadere già l’anno prossimo, al termine del primo mandato. Risposta di Michelle: “Dipende da quando ce ne andremo e da che età avranno”.

    Lasciando intendere che se Barack dovesse essere rieletto per la seconda volta… beh, le sue figlie, per quanto più grandicelle, non avranno comunque accesso al social network. Da rilevare che le bimbe hanno già diversi profili non creati da loro, ma questo era prevedibile, visto l’interesse che tutto il mondo nutre nei confronti della famiglia Obama.

    Lo stesso Barack usa molto la rete, giudicandola uno strumento di comunicazione formidabile, però, certo, quando in gioco c’è la sicurezza dei propri figli, anche il più grande “navigatore” del mondo, come dire… tende a tirare i remi in barca! Onestamente sono d’accordo con mamma Michelle, la prudenza non è mai troppa, e le due piccoline non avranno difficoltà a trovare altre e più costruttive attività da svolgere alla Casa Bianca, questo è certo!