Natale 2016

Mariangela Valentini, la pilota coraggiosa morta ad Ascoli [FOTO]

Mariangela Valentini, la pilota coraggiosa morta ad Ascoli [FOTO]
da in Cronaca
Ultimo aggiornamento:

    Mariangela Valentini, la pilota coraggiosa morta ad Ascoli. 31 anni, originaria di Oleggio e con una grande passione per il volo. Ha perso la vita durante lo scontro dei due Tornado dell’Aeronautica militare precipitati vicino Ascoli Piceno mercoledì 20 agosto. Nel corso di un addestramento, i due velivoli si sono scontrati in volo. Alcuni testimoni hanno parlato di Tornado che hanno preso fuoco non appena si sono toccati, precipitando un una zona compresa fra tre Comuni, per fortuna poco abitata. Mariangela Valentini aveva alle spalle molte ore di volo ed era stata insignita del “Premio coraggio” dall’Ande, Associazione nazionale donne elettrici.

    In una recente intervista aveva dichiarato: “In volo non ho paura, si pensa alla missione, siamo addestrati a questo“. In volo, però, ha trovato la morte.

    La tragedia è accaduta mercoledì ed il suo corpo è stato ritrovato senza vita nel pomeriggio. Mariangela Valentini è nata il 14 settembre 1982, ad Oleggio, in provincia di Novara, è stata allieva all’accademia militare di Pozzuoli ed ha conseguito la laurea in Scienze Aeronautiche all’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. A partire dal 2006 è stata assegnata a Brescia, al 6° Stormo di Ghedi. Nel 2007 ha ricevuto un premio per il coraggio; poi, nel 2010, è arrivata la promozione a Capitano. A cavallo tra il 2010 e il 2011, ha partecipato all’Operazione I.S.A.F. a Herat (Afghanistan) e nell’ottobre 2011 all’Operazione Unified Protector presso il Task Group Air – Trapani Birgi.

    La consegna del Premio coraggio era avvenuta presso Palazzo della Loggia, sede del Comune di Brescia. A consegnare il riconoscimento c’erano l’allora sindaco di Brescia Paolo Corsini e Viviana Beccalossi, vicepresidente della regione Lombardia, la quale, alla luce dei fatti recenti, ricorda:”Era stata una sensazione bellissima perché non mi era mai capitato di premiare una donna dell’Aeronautica

    Spero un giorno, come tutte le altre persone – aveva detto nel corso di un intervista per le reti Rai, in occasione della manifestazione ‘Fly for Peace 2014′ – di poter avere una famiglia“. E sulle opportunità per una donna di intraprendere la sua carriera: “Il percorso che abbiamo seguito è esattamente identico a quello dei nostri colleghi uomini, quindi particolare diffidenza non l’abbiamo incontrata, perché una volta che si dimostra di saper fare certe cose al pari dei colleghi uomini la diffidenza viene subito spazzata via e si vola tutti insieme“.

    449

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cronaca

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI