Malata di tumore, le tolgono il sussidio: costretta a emigrare per lavorare ma muore a 32 anni

Daniella Obeng, cantautrice inglese è morta a causa di un tumore al cervello a soli 32 anni. La donna, che lascia un figlio di un anno, era stata costretta a lasciare il suo Paese perché non riceveva più il sussidio che le spettava a causa della sua condizione. Nonostante le frequenti epilessie era stata giudicata 'idonea al lavoro' e per tanto le era stato negato l'assegno. Daniella aveva trovato lavoro in Quatar ma è morta una settimana dopo l'arrivo.

da , il

    Malata di tumore, le tolgono il sussidio: costretta a emigrare per lavorare ma muore a 32 anni

    Una ragazza di 32 anni, malata di tumore, è morta dopo che le era stata negato il sussidio. Daniella Obeng, in arte DEVI KA era una cantautrice inglese di Manchester costretta ad emigrare in Quatar a causa della sua malattia. Alla donna era stato diagnosticato un tumore al cervello che le causava severi attacchi di epilessia che e rendevano difficile lavorare. La cantante e madre di un bimbo di un anno aveva fatto domanda alle autorità inglesi per ricevere un sussidio, ma le visite mediche a cui si era sottoposta l’avevano giudicata abile al lavoro, negandole di fatto, la possibilità di ricevere i soldi del sussidio.

    Malata di tumore, le tolgono il sussidio: costretta ad emigrare

    Questa ragione, unita alla difficoltà di trovare lavoro nel Regno Unito, avevano spinto Daniella a lasciare il figlio ed emigrare in Medio Oriente per trovare un lavoro, poiché non poteva permettersi di vivere nel suo Paese senza l’assegno del sussidio. La cantante infatti, a causa della sua malattia, non riusciva a trovare lavoro in patria e questo l’aveva spinta a lasciare il figlio ai suoi cari e ad emigrare per potersi mantenere.

    In Quatar aveva ottenuto un lavoro di qualche mese, per esibirsi all’Intercontinental Hotel a Doha, dove però è morta dopo una settimana dal suo arrivo. I familiari di Daniella chiedono ora giustizia per quanto accaduto: “ Se avesse ricevuto il sostegno finanziario di cui aveva bisogno, sarebbe ancora qui con noi” hanno dichiarato al quotidiano inglese Sun.