Make up: Come usare l’ombretto

da , il

    ombretto

    Vi sembra banale, ma usare l’ombretto non è poi così semplice, ed alla fine i risultati si vedono ed anche molto bene! Per distribuire il colore come un make up artist occorrono strumenti perfetti, tecnica e tanta esperienza, che a furia di passare il tempo davanti allo specchio non potrete non acquisire! L’ombretto permette ampio spazio alla fantasia e ci fa sbizzarrire nel mischiare i colori, creando decine di effetti diversi, dai più sobri fino a quelli più appariscenti o addirittura artistici. Vediamo allora come orientarci nella scelta dei “ferri del mestiere” e come procedere con l’applicazione.

    La prima scelta riguarda la consistenza, infatti si può preferire un ombretto fluido, in crema o in polvere.

    Poi occorre concentrarsi sui pennelli: quelli piccoli, di spugna, sono adatti a stendere il prodotto sulla palpebra, quelli con le setole piatte servono per la sfumatura, ma i make-up artist professionisti, utilizzano moltissimo i polpastrelli!

    Nella vostra trousse procuratevi più tonalità possibili, ma soprattutto sono fondamentali le basi chiare e neutre, nei colori bianco, beige, avorio, rosa tenue, così come i toni scuri come grigio e marrone, per realizzare un chiaroscuro che dia profondità allo sguardo.

    L’ombretto va abbinato ai colori del viso o agli accessori, ma non al vestito necessariamente.

    Le basi chiare di ombretto vanno applicate tra la palpebra superiore e l’arcata sopraccigliare, oppure all’interno, mentre i colori più scuri, sul contorno degli occhi e sulla piega palpebrale.

    A questo punto occorre sfumare le due gradazioni con un pennello pulito per farle amalgamare come si deve.

    Dolcetto o scherzetto?