Natale 2016

Maestro delle elementari a processo: accusato di insulti, schiaffi e abusi psicologici

Maestro delle elementari a processo: accusato di insulti, schiaffi e abusi psicologici
da in Attualità, Bambini, Cronaca
Ultimo aggiornamento:
    Maestro delle elementari a processo: accusato di insulti, schiaffi e abusi psicologici

    Un maestro di una scuola elementare di Bologna è finito a processo: secondo l’accusa, è responsabile di insulti, schiaffi e abusi psicologici a danno di alcuni bambini.
    Per la Procura l’uomo, un 65enne originario di Salerno, avrebbe riservato questi atti vergognosi verso cinque bambini, tra i 7 e gli 8 anni. I fatti risalirebbero all’anno scolastico 2014-2015, quando l’insegnante prestava servizio in una scuola nella provincia di Bologna. I capi d’accusa per lui sono davvero pesanti e agghiaccianti: non solo avrebbe insultato i piccoli con parolacce e offese volte a schernire i difetti fisici dei bambini, ma avrebbe anche usato violenza fisica. In alcuni momenti li avrebbe presi per il colletto del grembiule, trascinandoli a forza alla lavagna, altre volte li avrebbe schiaffeggiati, tirato loro i capelli e per finire li avrebbe colpiti con quaderni e altri oggetti.

    I particolari, che fanno rabbrividire, sono stati raccontati da questi 5 bambini, prima ad un’altra maestra della scuola, dalla quale poi è partita l’indagine della Procura. Il processo contro l’uomo inizierà il 5 aprile prossimo e in attesa del giudizio, come adesso, l’uomo è libero di svolgere la sua professione: al momento sta insegnando, ma in un’altra scuola, in una città diversa.

    Le accuse trascritte dal Pm Simone Purgato, se saranno confermate, sono agghiaccianti: secondo queste, un alunno preso particolarmente di mira, sarebbe stato colpito con un calcio, afferrato per un orecchio e minacciato per non raccontare ai genitori. Sempre secondo i racconti dei bambini, una ragazzina è stata derisa davanti a tutti gli alunni per il suo aspetto fisico. Oltre ad essere chiamata “cicciona”, il maestro le avrebbe fatto continuamente il verso, mimando le sembianze di una persona in carne e dicendole che se continuava a mangiare tanto, da grande sarebbe diventata enorme.

    MALTRATTAMENTI NELLE SCUOLE: A MILANO DUE ARRESTI IL MESE SCORSO

    Un’altra alunna sarebbe stata oggetto di un improvviso atto di collera dell’insegnante ed è stata sbattuta contro il muro, provocandole un danno alla scapola, mentre ad un bambino avrebbe fatto, per pura crudeltà, uno sgambetto.
    Un’altra bambina infine sarebbe stata costretta a stare per più di un’ora in piedi davanti al muro perché non sapeva le tabelline. Tutte queste violenze sarebbero state condite da espressioni volgari ed offensive come “ maiali”, “figli di p…”, “deficienti”. Un ritratto, che se confermato, fa davvero rabbrividire.

    Per il momento il maestro nega tutte le accuse. Secondo l’insegnante questi fatti incresciosi non sono mai avvenuti, ma sono fantasie nate dopo una lezione che ha tenuto ai suoi alunni riguardante i diritti dei bambini. Fino a quel momento infatti, secondo l’uomo e il suo avvocato, era l’insegnante migliore del mondo, dopo di che sarebbero cominciate a piovere tali accuse senza senso. Si dice fiducioso di poter chiarire il tutto e dimostrare la verità, che non corrisponde al racconto fantasioso dei bambini. Quando inizierà il processo, ossia ad aprile, sarà già legge-partirà questo autunno- l’installazione di telecamere in alcuni asili nido, per verificare appunto gli eventuali maltrattamenti a danno dei bambini nelle scuole.

    628

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàBambiniCronaca

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI