Ma(m)ma Mia

da , il

    mama

    Domenica 13 maggio 2012. Festa della Mamma. Sarà un trionfo di fiori, torte fatte in casa, cuoricini e disegni dove compaiono teste enormi sorrette da braccia e gambe fatte a riga. Scritte in stampatello tremolante celebreranno le stesse donne che tra qualche anno verranno contestate per piercing e tatuaggi negati, perché bisognerà tornare a mezzanotte e non all’una come TUTTI GLI ALTRI.

    Per lui

    Sarà il giorno in cui la potrai abbracciare anche se è roba da piccoli, il giorno in cui anche solo per un secondo realizzerai che di tutte le donne che avrai nella vita LEI sarà il PER SEMPRE più naturale che conoscerai. E anche la prima che ti ha visto nudo. E non è poco.

    Sarà il giorno in cui le saranno concessi anche i vari:

    • “Vai piano”
    • “Mangia”
    • “Metti la maglia della salute”
    • “Ma non ce l’hai una ragazza?”
    • “A me quella li non mi piace mica”

    Per lei

    Sarà il giorno in cui la torta la farai tu e farà schifo, ma la mangeranno tutti in silenzio perché negli anni hanno imparato che la tua sindrome premestruale fa più vittime di Hannibal Lecter. Sarà il giorno in cui quando per la milionesima volta LEI ti dirà “Devi essere felice” non reagirai come Linda Blair ne L’Esorcista, ma sfodererai un sorriso ebete e per un pochino sarai in pace. Quando ti leggeva le favole lo sapeva che eri una predestinata.

    Sarà il giorno in cui le saranno concessi i vari:

    • “Non mangiare quello, che ingrassi!”
    • “Vai in palestra?”
    • “lo metti il body che schiaccia la pancia che ti ho preso?”
    • “Vedrai quando meno te lo aspetti arriva quello giusto”
    • “Io l’ho sempre detto che il tuo ex era un mentecatto”

    Per tutti

    Sarà il giorno in cui penserete che facendo solo la metà di quello che ha fatto LEI, sarete degli ottimi genitori.

    Dolcetto o scherzetto?