Lusso anche in sala parto per le dive di Hollywood

Parto di lusso dive di Hollywood

Le dive, si sa, restano tali in qualunque circostanza, anche quando diventano mamme. Una sala parto è una sala parto (penserete voi, ingenue lettrici), ovvero, il luogo dell’ospedale in cui le donne, di qualunque estrazione sociale, vengono ricoverate per dare alla luce i loro bambini. Un evento naturalissimo, di solito di routine (salvo, ahimè, complicazioni), che può avvenire in modo spontaneo oppure tramite taglio cesareo. In ogni caso, quando si tratta di doglie e travaglio, tutte le donne sono, o dovrebbero trovarsi, sulla stessa barca, nel senso che l’assistenza dovrebbe essere assolutamente uguale per tutte, democratica insomma. Ebbene… le cose non stanno proprio così.

Non parliamo tanto dell’aspetto prettamente sanitario, quanto di tutto il resto. Insomma, quale donna in dolce attesa non vorrebbe partorire nel lusso, in un ambiente comodo, esclusivo, con personale medico e paramedico a totale disposizione e persino delle estetiste pronte a rimetterle in sesto dopo una prova tanto impegnativa e stressante per il fisico? Ragazze, parliamo di parti a 5 stelle, quelli delle star hollywoodiane.

Parto di lusso, Jessica Simpson&co

Parto di lusso Jessica Simpson

E’ la nuova moda in quel del dorato mondo di Hollywood, dove tutto è glam e lussuoso, anche il parto. Se c’è stato un tempo in cui le dive mettevano il mondo i loro figli più o meno allo stesso modo delle altre comuni mortali, è tramontato da un pezzo. Ci riferiamo, ad esempio, alla bella e giunonica Jessica Simpson, che proprio la scorsa settimana ha dato alla luce la sua primogenita, Maxwell Drew, una bambina (ona) di quasi 5 kg. La nascita è avvenuta presso il Cedars Sinai Hospital di Los Angeles, dove la cantante e attrice aveva prenotato una suite composta da tre stanze dotate di ogni comfort, oltre a due bagni (potete ammirare le stanze nelle foto). Il tutto per la modica cifra di 3784 dollari a notte. Ma ne deve essere valsa la pena, dato che il costo includeva anche il servizio di manicure e pedicure (disponibile 24ore su 24), più una cena grand gourmet per due persone! Che dire, tutte attenzioni indispensabili dopo il parto… E come non citare Beyoncé e il suo parto ancora più stellare? Come ricorderete, la bellissima cantante 30enne partorì il 7 gennaio scorso una bambina di nome Blue Ivy Carter, e per rendere ancora più indimenticabile il lieto evento, prenotò una suite (ma si vociferò che fosse l‘intero piano) all’ospedale di New York Lenon Hill, con tanto di guardie del corpo a presidiare, il tutto per 3200 dollari a notte. Mentre Jennifer Lopez pare abbia dato alla luce i suoi due gemellini Max ed Emme (nel 2008), indossando una camicia di alta moda (mica di quei pigiamini da ospedale delle donne normali!). Insomma, un trend costoso ma che sta prendendo sempre più piede.

Partorire ad Hollywood

Dive di Hollywood parto di lusso

Come ogni moda hollywoodiana che si rispetti, anche quella del parto di lusso ha una sua figura professionale di riferimento, insomma, come il wedding planner che si occupa dell’organizzazione del matrimonio, ora esiste anche una sorta di delivery planner, che organizza a puntino il lieto evento. Gli ospedali, dal canto loro, si stanno attrezzando per fornire quanti più servizi esclusivi possibile alle celebri mammine, tra cui massaggi, trattamenti di aromaterapia, tutine omaggio firmate dai maggiori stilisti eccetera. Più l’assistenza 24 su 24 e la presenza di guardie del corpo e vigilanza. Negli USA, poi, sta avendo grande successo anche una trasmissione ad hoc, che si intitola (guarda un po’) “Incinta con i tacchi”, e che sta per andare in onda con la seconda stagione. Sentite come descrive la maternità e le sue esigenze la presentatrice dello show, Rosie Papa: “E’ del tutto normale voler fare una ceretta prima di avere un figlio, sembrerà superficiale, ma è importante sentirsi a posto”. Se lo dice lei…

Segui Pour Femme

Mercoledì 09/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Paper Project
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su