Lui cambia sesso e il suo matrimonio viene annullato dallo Stato

Lui cambia sesso e il suo matrimonio viene annullato dallo Stato
da in Coppia, Matrimonio, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Alessandra-Bernaroli

    Lui cambia sesso e il suo matrimonio viene annullato dallo Stato. Alessandra Bernaroli è una donna qualunque eccetto per un piccolo particolare, prima di cambiare sesso si chiamava Alessandro, un uomo a tutti gli effetti, felicemente sposato con la compagna omonima dal 2005. Il cambio di sesso, contrariamente a quanto accade di solito, non aveva certo scalfito il loro amore, tantomeno il matrimonio. Peccato che lo Stato, di vedute evidentemente più ristrette, avesse ordinato l’annullamento delle nozze, decisione che a suo tempo scatenò la feroce reazione della coppia, tutt’altro che intenzionata a separarsi. Oggi la Corte Costituzionale ha accolto il loro ricorso, finalmente saranno libere di amarsi, in un paese cosiddetto civile.

    Dopo la vicenda dell‘uomo che divenne mamma dopo aver cambiato sesso, ecco un’altra storia che ha dell’incredibile, quella della 43enne Alessandra Bernaroli, fino a poco tempo fa Alessandro, sposata da una decina d’anni con la compagna omonima. Un’unione basata sull’amore, di quelli con la A maiuscola, in grado di superare prove esistenziali durissime, come il cambio di sesso di quello che ieri era Alessandro, un marito apparentemente come tanti. Sua moglie, a tutt’oggi innamoratissima, ha dichiarato: “ Ci siamo conosciute che io avevo 22 anni e Alessandra 24. All’inizio, sapere che voleva cambiare sesso è stato un passaggio dolorosissimo, per me e anche per la mia famiglia.

    Non nascondo che ho avuto bisogno di tempo per capire.”

    La terapia a base di ormoni e l”operazione eseguita in Thailandia nel 2008 non erano riusciti a scalfire il loro amore, tant’è che la coppia, di comune accordo, aveva deciso di non annullare le nozze. Peccato che per la legge italiana la nuova Alessandra non avesse diritto allo stato civile, cancellato e sostituito dalla dicitura “non documentato”. Da quel momento è iniziata la loro battaglia per salvare il matrimonio, una battaglia dura, durissima, fortunatamente a lieto fine.

    Oggi, dopo 5 anni trascorsi nelle aule dei tribunali, è stato finalmente accolto il ricorso della coppia contro l’annullamento delle nozze, secondo sentenza della Corte costituzionale. Alessandra, ufficialmente donna solo da qualche anno, gioisce per l’importante traguardo civile conseguito: “Quando ho iniziato la mia battaglia nessuno mi dava retta: associazioni gay, sindacati, avvocati. Pensavano tutti che fossi pazza. Sono dovuta andare in strada in centro a Bologna con in mano un cartello “Nessuno a favore, tutti contro”. E invece alla fine la Corte costituzionale ci ha dato ragione, è una vittoria civile bellissima.” Un piccolo spiraglio di speranza in un paese che evidentemente ha ancora molta strada da fare in campo di diritti civili, nonostante negli ultimi anni le coppie gay in Italia abbiano conquistato gli stessi diritti degli etero.

    510

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CoppiaMatrimonioPolitica Ultimo aggiornamento: Giovedì 12/06/2014 15:12
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI