Natale 2016

Linguaggio del corpo durante un colloquio: cosa fare e cosa non

Linguaggio del corpo durante un colloquio: cosa fare e cosa non
da in Lavoro
Ultimo aggiornamento:

    linguaggio del corpo

    Linguaggio paraverbale: si chiama così il linguaggio non parlato, ovvero il linguaggio del corpo. Credi che ad un colloquio di lavoro sia importante dire le cose giuste? Hai ragione, ovviamente, ma serve anche comportarsi nel modo giusto. Perché spesso chi di mestiere fa il recruiter percepisce l’attitudine al lavoro proposto molto di più dagli atteggiamenti.

    Una stretta di mano troppo morbida, il ticchettio delle dita sul tavolo, la gamba che trema. O anche il toccarsi continuamente il viso o il parlare troppo velocemente: sono tutti segnali del nostro stato d’animo. Come fare a migliorare? Ecco i nostri consigli.

    Mostrare attenzione è importante. Questo non significa fissare con gli occhi spalancati l’interlocutore durante il colloquio, ma mantenere il contatto visivo per qualche secondo alla volta. Se si è a colloquio con più persone cerca di incontrare lo sguardo di ciascuna. Parti dalla persona che ti ha fatto la domanda, poi spostati verso gli altri e ritorna al primo.

    Non sei al bar con gli amici! Siediti dritta, in modo sì rilassato, ma non eccessivo, o rischi di dare una percezione di svogliatezza. Avvicinati un poco quando ti viene posta una domanda, dà l’idea di curiosità e interesse.

    Senza esagerare naturalmente. Usa le mani con moderazione ma sfruttale per enfatizzare i concetti. Non mangiare le unghie o sembrerai nervosa.

    Le persone che giocano con i capelli o toccano il naso eccessivamente possono sembrare disoneste e poco affidabili.

    Evita anche di grattare il collo o la testa, dimostreresti disattenzione. Anche sedere con le braccia incrociate può essere controproducente, ti fa sembrare sulla difensiva e poco disponibile.

    Sorridere e muovere la testa nel modo più appropriato, anche ridere quando il recruiter lo fa, sono atteggiamenti di apertura importante. Dimostri che hai una personalità e che stai attenta a quello che viene detto. Non interrompere mai e mantieni un tono di voce educato. Non troppo basso o sembrerai timida, non troppo alto o sembrerai arrogante.

    Muovere le gambe avanti e indietro, tamburellare le dita sul tavolo, sono segni di impazienza e noia. Mantieni alta la tua concentrazione.

    Fai caso al comportamento dell’interlocutore e cerca di avere gli stessi atteggiamenti. Non spaventarlo però! Non devi copiare tutto ciò che fa! Capire il modo di interfacciarsi della persona ti aiuterà a non essere eccessivamente formale o informale.

    Sii professionale, concentrata, sicura di te, dal momento in cui arrivi alla reception al momento in cui lasci l’ufficio.

    529

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Lavoro

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI