Le filastrocche di Pasqua più belle per i bambini

da , il

    filastrocche pasqua bambini

    Le filastrocche di Pasqua più belle per i bambini sono perfette per celebrare questa festa amata da grandi e piccini. Mancano solo 10 giorni alla Pasqua e i piccoli non vedono l’ora di poter finalmente scartare le loro uova di cioccolata per scoprire il regalo che contengono. Dopo aver preparato i lavoretti di Pasqua infatti, i bambini sono pronti per festeggiare e per gustare le leccornie di questa festa. Abbiamo quindi preparato per voi le più belle poesie e filastrocche sulla Pasqua per bambini, per passare una domenica serena con la famiglia e gli amici.

    E’ Pasqua stamattina

    E’ Pasqua stamattina,

    è Pasqua, mio Signore!

    Per questo la collina

    si sveglia tutta in fiore.

    L’argento degli ulivi

    illumina i declivi;

    ogni fontana aspetta

    con l’acqua benedetta;

    campane e campanelle

    sono tutte sorelle

    festose, umili, chiare

    cominciano a cantare.

    Dall’uovo di Pasqua

    Dall’uovo di Pasqua

    è uscito un pulcino

    di gesso arancione

    col becco turchino.

    Ha detto: “Vado,

    mi metto in viaggio

    e porto a tutti

    un grande messaggio”.

    E volteggiando

    di qua e di là

    attraversando

    paesi e città

    ha scritto sui muri,

    nel cielo e per terra:

    “Viva la pace,

    abbasso la guerra”.

    Buona Pasqua!

    Nei miei sogni ho immaginato

    un grande uovo colorato.

    Per chi era? Per la gente

    dall’Oriente all’Occidente:

    pieno, pieno di sorprese

    destinate ad ogni paese.

    C’era dentro la saggezza

    e poi tanta tenerezza,

    l’altruismo, la bontà,

    gioia in grande quantità.

    Tanta pace, tanto amore

    da riempire ogni cuore.

    Alto svetta il campanile

    Alto svetta il campanile

    Sotto un cielo primaverile

    Poi scampana allegramente

    Per avvisare tutta la gente

    Che c’è festa in tutto il mondo

    Fin nel mare più profondo

    Forte suona la campana

    Nella valle più lontana

    Per portare in ogni cuore

    La certezza dell’amore.

    L’uovo Arcobaleno

    La mattina di Pasqua nel mio prato

    un uovo arcobaleno ho trovato,

    era un uovo profumato e strano

    non più grande di una mano.

    Quando l’ho aperto, con stupore

    ho trovato sorprese d’ogni colore:

    giallo il sorriso d’un cinesino,

    rosso il canto di un algerino,

    azzurro il sorriso di uno svedese,

    verde la capriola di un portoghese,

    violetta la danza di mille bambine,

    indaco i suoni di mille ocarine.

    E arancione rotondo e paffuto

    un sole caldo di benvenuto,

    un sole caldo paffuto e rotondo

    uguale per tutti i bimbi del mondo.

    Di Eleonora Bellini

    Resurrezione

    E’ risorto: il capo santo

    più non posa nel sudario

    è risorto: dall’un canto

    dell’ avello solitario

    sta il coperchio rovesciato:

    come un forte inebriato ,

    il Signor si risvegliò

    Era l’alba; e molli il viso

    Maddalena e l’altre donne

    fean lamento in su l’Ucciso;

    ecco tutta di Sionne

    si commosse la pendice

    e la scolta insultatrice

    di spavento tramortì

    Un estranio giovinetto

    si posò sul monumento:

    era folgore l’aspetto

    era neve il vestimento:

    alla mesta che ‘l richiese

    dié risposta quel cortese:

    è risorto; non è qui.

    Di Alessandro Manzoni