Lapidazione Sakineh: sospesa la condanna a morte per adulterio

da , il

    Sakineh

    La notizia positiva che ci giunge proprio nelle ultime ore è che le autorità iraniane hanno sospeso la condanna a morte tramite lapidazione contro Sakineh Mohammadi Ashtiani, una donna condannata per adulterio, di cui si è parlato molto negli ultimi giorni, con la mobilitazione di intere comunità, ma anche personaggi dello spettacolo ed importanti cariche politiche. La notizia della sospensione è recentissima ed è stata riferita oggi dal ministro degli esteri iraniano Ramin Mehmanparast alla televisione di stato iraniana in lingua inglese Press Tv.

    Mehmanparast ha comunicato che il verdetto sulle vicende extraconiugali è stato fermato ed è al momento sotto revisione.

    Il caso, come avrete sentito in televisione o letto sui giornali, ha sollevato lo sdegno internazionale e teso ulteriormente i rapporti tra la Repubblica Islamica e l’Occidente, ma la speranza è che si arrivi al più presto ad un accordo e che queste brutalità compiute sulle donne, meno fortunate di noi abbiano fine una volta per tutte.

    Intanto il nome di Sakineh Mohammadi Ashtiani ha assunto su di sé la proiezione simbolica di una lotta per i diritti delle donne iraniane e per un sistema di giustizia che preveda processi equi e adeguate misure di difesa.