La settimana in 6 notizie: dal falso allarme bomba a Torino alle polemiche su Emma Watson in topless

Ecco cos'è successo nella settimana appena trascorsa: dal falso allarme bomba a Torino fino alle polemiche che hanno visto protagonista il topless di Emma Watson su Vanity Fair.

da , il

    Durante la settimana appena trascorsa a Torino è scattato un allarme bomba che per fortuna si è rivelato fasullo. Nel frattempo l’Ue ha dato un altro allarme, quello riguardante i bambini rifugiati dispersi, sempre più numerosi. Mentre sul fronte gossip tira aria di polemica e questa volta, al centro del dibattito, c’è il topless di Emma Watson che ha fatto scandalo. Tom Hanks lotta per la verità incoraggiando i giornalisti della Casa Bianca a perseguirla mentre la Disney apre ufficialmente le porte all’omosessualità nei suoi film.

    Allarme bomba a Torino

    A Torino è scattato l’allarme bomba vicino alla stazione di Porta Nuova che ha mobilitato gli artificieri. In realtà si è rivelato un falso allarme, nella borsa sospetta non c’era nulla di pericoloso.

    Vincenzo Paduano, ex di Sara, giudicato con rito abbreviato

    L’ex di Sara Di Pietrantonio, Vincenzo Paduano, verrà giudicato con rito abbreviato per aver strangolato e incendiato la ragazza il 29 maggio 2016. Il processo avrà inizio il 7 aprile.

    10mila bimbi rifugiati spariti

    L’UE ha lanciato l’allarme sui bambini rifugiati non accompagnati che spariscono nel nulla sempre più numerosi, addirittura 10mila nel solo 2016, stando alle stime di Europol. Si è chiesto che vengano prese misure immediate per arginare il problema.

    Emma Watson in topless fa scandalo

    Ha suscitato un mare di polemiche il topless di Emma Watson su Vanity Fair, in occasione dell’uscita del remake de “La Bella e la Bestia”. Molte femministe lo hanno giudicato sconveniente e non in linea con le battaglie dell’attrice contro le disuguaglianze di genere.

    Tom Hanks lotta per la verità

    Tom Hanks, il famoso attore hollywoodiano, ha regalato ai giornalisti della Casa Bianca una macchina per caffè espresso con incluso un biglietto di incoraggiamento: “Continuate la giusta lotta per la verità, per la giustizia e per il sogno americano…soprattutto per la verità“.

    L’omosessualità entra in casa Disney

    Per la prima volta la Disney porta in scena una storia omosessuale apertamente dichiarata. Accade ne “La Bella e la Bestia” dove Le Tont sarà gay, senza sotterfugi. Secondo Cecchi Paone, intervistato sull’argomento, non c’è nulla di cui stupirsi visto che la Disney si è sempre dimostrata attenta nell’assecondare i diritti civili e umani.