La prima Barbie con il velo islamico in arrivo nel 2018

In arrivo nel 2018 la prima Barbie con il velo islamico, ispirata a Ibtihaj Muhammad, campionessa di scherma e prima donna musulmana a competere a livello internazionale con il velo. La Barbie fa parte della collezione 'Shero'dedicata alle eroine femminili che hanno saputo 'rompere le barriere'. L'atleta si è dichiarata orgogliosa della scelta della Mattel: 'Amate ciò che vi rende uniche'

da , il

    La prima Barbie con il velo islamico in arrivo nel 2018

    È in arrivo la prima Barbie con il velo islamico, realizzata con le fattezze di Ibtihaj Muhammad, campionessa americana di scherma che partecipò alle Olimpiadi dello scorso anno indossando l’ hijab. La Mattel ha confermato che la bambola sarà ufficialmente in vendita a partire dall’autunno del 2018. La Barbie con il velo fa parte della collezione “Shero”, con la quale la Mattel vuole “celebrare le eroine femminili che ispirano le bambine rompendo le barriere e allargando le possibilità per le donne in ogni campo”.

    La Barbie con il velo ispirata alla campionessa olimpionica

    Ibtihaj Muhammad è stata la prima donna musulmana a competere a livello internazionale per gli Stati Uniti indossando in ogni gara l’hijab, il tradizionale velo islamico. L’ultima vittoria risale alle Olimpiadi di Rio 2016 in cui conquistò la medaglia di bronzo nella sciabola a squadre. Ibtihaj ha molto apprezzato l’idea creativa della Mattel di realizzare, non solo una Barbie con il velo islamico, ma anche una bambola che per corporatura e fattezze potesse davvero rassomigliarla. “Quando ero giovane mi prendevano in giro per le mie gambe grosse, ma lo sport mi ha aiutato ad apprezzare la forza che il mio corpo può produrre- ha commentato l’atleta- volevo che la bambola avesse gambe più toniche, e così è stato”.

    Barbie con il velo islamico: “Amate ciò che vi rende uniche”

    La Barbie con il velo è stata presentata per la prima volta a New York durante il Glamour Celebrates Women Of The Year Summit al Brooklyn Museum. La campionessa statunitense, orgogliosa per la scelta della Mattel, ha anche voluto lanciare un messaggio di amore alle bambine che potranno, dall’anno prossimo, giocare con questa bambola, augurando alle “ piccole donne di colore di trovare l’ispirazione per amare quello che le rende uniche”.