La ginnastica in casa: non funziona!

da , il

    Uno studio condotto da psicologi americani ha decretato chi fa sport in casa spesso getta la spugna, dopo un inizio serio e costante si tende a lasciar perdere e la cyclette diventa un appendiabiti.

    Ebbene si siamo un po’ incostanti anche noi italiani, anche a casa mia c’è una cyclette extra tecnologica parcheggiata in mansarda, l’abbiamo usata un po’ e poi ogni scusa era buona per rimandare.

    Forse è decisamente meglio andare in una palestra, con tante altre persone da incontrare la sera e con cui sudare fianco a fianco sotto lo sguardo vigile e attento dell’istruttore palestrato che minaccia sempre con la pesata mensile puntando sui nostri punti deboli come i rotolini nascosti.

    Un’altra cosa molto positiva della palestra è che c’è sempre qualche bellezza a cui mirare e soprattutto qualche ragazzo carino a cui chiedere aiuti vari, veri o presunti poco importa, insomma sono gli stimoli che ci fanno schiodare dalla scrivania o dalla copertina sul divano e ci spingono ad andare in palestra.

    Ovviamente se siete comodiste ma anche costanti e volenterose la palestra in casa è perfetta, ormai esistono attrezzi di tutti i prezzi e per tutti i gusti, dalla classica cyclette al tapis roulant molto gettonato negli ultimi anni, fino ad arrivare ai tecnologici Kiness Personal che consentono di svolgere ben 3200 esercizi con un unico attrezzo in un solo metro quadrato.

    Io sono del parere che la cosa migliore sia associare l’attività fisica a qualcosa che ci diverte, come uno sport di gruppo, partite con amici, corse sul lungomare tra amici insomma attività divertenti che ci fanno stare bene fisicamente e psicologicamente.

    Dolcetto o scherzetto?