La crisi ci fa invecchiare più in fretta

da , il

    La crisi economica oltre a dissanguare il nostro portafogli e prosciugare il conto il banca ci fa invecchiare più in fretta, in quanto fonte di preoccupazione, agisce su di noi come tutte le altre preoccupazioni, cioè in rughe!

    La pelle si estende su una superficie di 6 metri quadrati e come tale è la prima barriera a tutto ciò che ci circonda, la crisi economica, la perdita del lavoro o la difficoltà a trovarne uno hanno su di noi lo stesso effetto disastroso della perdita di una persona cara o della fine di una grande storia d’amore.

    Uno studio molto importante, che ha coinvolto il sesso femminile, pubblicato sulla rivista ‘Pnas’, ha dimostrato che c’è un legame tra lo stress, soprattutto di tipo cronico, e fattori di rischio per la pelle a cominciare da un impoverimento della funzione immunitaria -spiega Patrizio Mulas, presidente dell’Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi)-. Lo stress psicologico infatti ha una stretta relazione con quello ‘ossidativo’ e con i meccanismi all’interno delle cellule, che regolano la senescenza e la longevità’. Ebbene, lo studio ha dimostrato che le persone più stressate avevano alterazioni cellulari come le donne sane ma più vecchie di dieci anni“.

    La pelle la dobbiamo proprio proteggere con creme emollienti e idratanti e con un’applicazione costante giorno dopo giorno: “La pelle risente subito dello stress e si ha un netto squilibrio nel ciclo di rinnovamento cellulare e con un’alterazione dei sistemi di regolazione e riparazione -prosegue Mulas- il cortisolo, ormone prodotto in risposta allo stress, indebolisce la cute. I radicali liberi poi lasciano il segno, anche perché le risposte immunitarie sono più basse e quindi gli agenti esterni colpiscono più facilmente. A ciò poi si aggiunge la depressione, che accelera la diminuzione del volume del viso, che appare invecchiato di anni

    La crisi ci fa invecchiare di 10 anni e a 30 anni avere la pelle di una quarantenne non è il massimo, noi? Anche perchè poi a 40 si ha quella di 50 e via dicendo… e allora prendiamocene cura, si creme, maschere e trattamenti ma anche a tavola e soprattutto si deve smettere di fumare!

    Un aiuto alla pelle arriva sicuramente da una corretta alimentazione -conclude Mulas- frutta, verdura, vitamine (in particolare del gruppo B e C), e poi, con l’aiuto del dermatologo, scegliere le crema idratanti e i detergenti più adatti al tipo di pelle“.

    Foto da:

    trollydolly.se adsoftheworld.com cdn-write.demandstudios.com