Kirsten Dunst ha sconfitto la depressione ed adesso sta bene!

Kirsten Dunst ha sconfitto la depressione ed adesso sta bene!
da in Attrici, Cinema, Gossip, Mente, Salute E Benessere, depressione
Ultimo aggiornamento:

    kirsten dunst depressione

    Kirsten Dunst ha sconfitto la depressione ed adesso che è guarita ed ha battuto i suoi demoni è pronta a parlarne apertamente in modo da farsi conoscere e soprattutto per rompere i tabù su questa patologia che ancora adesso è sottovalutata. La depressione è molto comune nelle star che avuto un successo planetario in giovane età, purtroppo ci sono i casi che poi sfociano in alcool e droga come Lindsay Lohan, Britney Spears che per fortuna adesso si è ripresa alla grande ed Amy Winehouse che invece ha perso la vita a soli 27 anni.

    La depressione e il malessere emotivo non si devono sottovalutare, vanno trattati come una qualsiasi altra patologia, come una gamba rotta, un forte mal di pancia, il dolore che non si manifesta esplicitamente non è detto che sia meno grave.


    Kirsten Dunst ha sofferto di depressione e si è fatta curare al Cirque Lodge. Ecco cosa ci racconta la bella Kirsten: “Ho iniziato a stare male nel 2008. Il peso di tutte le responsabilità professionali, per una allora giovane come me, e gli effetti della costante pressione e presenza dei media, mi sono piombati addosso all’improvviso. Dopo alcune settimane di malessere profondo, ho seguito il consiglio di parenti e amici fidati e sono andata alla Cirque Lodge, una clinica americana per il trattamento delle dipendenze e della depressione. È situata a Sundance, tra le montagne dello Utah. Ho fatto benissimo a ricoverarmi.

    In pochi mesi sono resuscitata”.

    E aggiunge: “Dovevo riesaminare da zero cosa significava per me crescere e maturare, mentre ero ancora nei miei vent’anni. E riflettere sulla maniera in cui stavo vivendo la mia vita di attrice famosa. Dovevo pensare a tutto ciò dal di fuori del mondo in cui avevo vissuto fino allora, l’ambiente del cinema, Hollywood, Los Angeles, e rivedere tutto da una prospettiva differente. E da una zona franca, neutrale, dentro di me. Allontanarmi da tutto, dimenticare la Kirsten attrice, poter essere una ragazza qualunque e parlare apertamente dei miei problemi con i terapisti è stato essenziale per il mio recupero. Non avrei potuto più recitare se non avessi ritrovato me stessa”.

    Ovviamente dalla sua guarigione ne ha tratto beneficio anche la sua carriera: “Se non mi fossi aperta al percorso terapeutico non avrei potuto tornare a lavorare, e meno che mai recitare in un film doloroso come Melancholia, tutto imperniato sulla depressione. Quella del regista Lars von Trier, però, non la mia!”. Melancholia è un film cupo e molto impegnativo che ha già regalato molte soddisfazioni a Kirsten!

    480

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttriciCinemaGossipMenteSalute E Benesseredepressione Ultimo aggiornamento: Lunedì 07/11/2011 20:12
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI