India, offerte 10 milioni di rupie per bruciare viva la protagonista di un film

Il gruppo indiano conosciuto come 'la casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di 10 milioni di rupie, pari a circa 130.000 euro, a chi brucerà viva la famosa attrice indiana Deepika Padukone. L'attrice, protagonista del film in uscita 'Padmavat' ha subìto svariate minacce di morte, assieme al regista del film Sanjay Leela Bhansali. La pellicola, tratta da un poema epico indiano, narra della scelta di una regina di darsi alle fiamme piuttosto che cadere nelle mani di un sultano.'Deepika dovrebbe sapere cosa si prova ad essere bruciati vivi' ha spiegato un membro della casta

da , il

    India, offerte 10 milioni di rupie per bruciare viva la protagonista di un film

    L’attrice indiana Deepika Padukone è stata minacciata da un gruppo chiamato “la casta dei cavalieri” che ha offerto una ricompensa di 10 milioni di rupie per chi la brucerà viva. Deepika è la protagonista del nuovo film storico indiano “Padmavati” del regista Sanjay Leela Bhansali. Sia il regista che l’attrice hanno ricevuto diverse minacce di morte. La pellicola è stata bloccata dalla censura: doveva essere nelle sale il primo dicembre.

    Deepika Padukone, offerte 10 milioni di rupie per bruciarla viva

    Il film Padmavati è tratto dal poema epico del XIV secolo “Padmavat”, in cui si narra la storia di una regina indù che per non farsi catturare dal sultano di Delhi ha scelto di immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne. Nei mesi scorsi le riprese del film sono state ripetutamente interrotte per violenti attacchi di vandalismo sul set.

    Dopo la censura al film da parte del Cbfc, l’organismo di censura preventiva indiano, il gruppo Akhil Bhartiya Kshatriya Mahasabha (Abkm), conosciuto come “la casta dei cavalieri” ha organizzato una manifestazione in un parco di Bareilly, nella regione dell’Uttar Pradesh, dove misero al rogo centinaia di gigantografie dell’attrice e del regista. Il responsabile della sezione giovanile dell’Abkm ha spiegato le motivazioni dietro al gesto, sostenendo che: “Deepika dovrebbe sapere cosa si prova ad essere bruciati vivi. L’attrice non potrà mai immaginare il sacrificio della regina. Siamo pronti a dare 10 milioni di rupie a chi dovesse bruciarla viva”.