Il profumo Anaïs Anaïs compie 30 anni

da , il

    Ve lo ricordate quel profumo a metà strada tra il dolce e lo speziato che andava fortissimo qualche anno fa? Si chiamava Anaïs Anaïs ed è stato un tormentone firmato Cacharel.

    È nato nel 1978 ed è stato il primo profumo di lusso, ad un prezzo accessibile, destinato alle ragazzine. Niente più profumi solo per signore, dai sentori cipriati e floreali. Cacharel s’era messa a pensare alle ragazzine dei 13-15 anni, cosa che nessuno aveva mai fatto prima d’ora.

    È nato così, 30 anni fa, il profumo diventato un must di generazioni intere, e che è riuscito ad affascinare anche le più grandicelle, che ormai i 15 anni li aveva superati da un bel po’. Quel mix di fiore d’arancio, ribes, giacinto, mughetto, caprifolio speziato, gelsomino era irresistibile: a dare un tocco finale al tutto, il giglio di Casablanca, fiore raro, ‘virginale e voluttuoso’. Ecco, quindi, esprimere in un profumo tutta l’anima delle ragazzine a cui era destinato: innocenti e sensuali allo stesso tempo.

    Ancora oggi, a 30 anni dalla sua nascita, Anaïs Anaïs è un profumo venduto in tutto il mondo, un must della profumeria. Cacharel ha deciso di festeggiare le sue trenta candeline, dedicandogli una nuova confezione, dai grafismi originali e forti. L’originale flacone non trasparente, ma di opalina opacizzata, è stato modernizzato.

    Io lo ricordo bene, perché è stato il profumo che in adolescenza mia sorella -più grande di me- ha utilizzato. Sapere che ha compiuto 30 anni m’ha fatto venir voglia di risentirne la fragranza e magari, perché no, farlo diventare il profumo di questa mia stagione invernale.

    Dolcetto o scherzetto?