Natale 2016

Il padre di Amy Winehouse non ha apprezzato la sfilata di Jean Paul Gaultier dedicata a sua figlia

Il padre di Amy Winehouse non ha apprezzato la sfilata di Jean Paul Gaultier dedicata a sua figlia
da in Cantanti, Gossip, Sfilate, Stilisti, Jean Paul Gaultier
Ultimo aggiornamento:

    amy gaultier

    “Non sosteniamo assolutamente la collezione di Jean Paul Gaultier. È davvero di cattivo gusto”, esordisce così Mitch Winehouse, il padre di Amy Winehouse, che sul social network Twitter ha commentato la sfilata haute couture di Jean Paul Gaultier portata in scena qualche giorno fa. Mitch Winehouse si schiera contro la sfilata dello stilista francese, ma i dubbi che sia una manovra per attirare l’attenzione rende questo attacco davvero poco credibile.

    Io credo che Jean Paul Gaultier abbia fatto un regalo ad Amy Winehouse e anche a tutti noi, una ragazza di 27 anni deve essere ricordata per la sua bellezza, il suo stile, per quello che è riuscita a dare al mondo, e non per abiti messi all’asta, foto del ritrovamento, del trasporto del suo cadavere senza vita dentro il sacco nero. La vita di Amy, esattamente come la morte, è stata strumentalizzata da una famiglia che quando avrebbe dovuto non ha fatto molto, ma che a morte avvenuta ha fatto anche troppo.

    Lungi da me criticare il dolore altrui e il modo di viverlo, però il padre che adesso si schiera contro Jean Paul Gaultier e lo stesso che a poche settimane dalla morte della figlia ha organizzato una grande asta per mettere in vendita gli abiti della figlia.

    Mitch Winehouse inoltre ha il controllo su tutto il business che riguarda Amy

    Jean Paul Gaultier in merito alla sua sfilata aveva dichiarato: “Questa icona della musica che poteva cantare il jazz, il blues e il rock era anche una icona di moda, con una libertà e uno stile molto personale. Sono i suoi riferimenti che ho trasferito sulla passerella in una interpretazione molto couture. Un omaggio a un talento che si è spento molto presto”.

    La sfilata di Jean Paul Gaultier non è un’opera di beneficenza e questo lo sappiamo, in fondo a tutto c’è sempre un business, ma a me sembra un modo solare, bello e positivo di salutare una ragazza che è andata via troppo presto.

    Voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con Mitch Winehouse?

    411

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CantantiGossipSfilateStilistiJean Paul Gaultier

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI