I preferiti dalle donne? i mascalzoni!

da , il

    L’anima in pace ce la siamo messa quando abbiamo capito (chi prima, chi dopo) che di tutte le belle storie d’amore raccontateci da piccole, del principe azzurro e compagnia bella, nella vita reale non esiste nemmeno l’ombra.

    È così, infatti: gli uomini belli, dolci e soprattutto disposti ad impegnarsi per un tempo lungo e duraturo, scarseggiano. O, quantomeno, stanno tutti giocando a nascondino, tant’è che al momento non se ne vede nessuno in giro.

    Eppure, gli esperti (esperti di cosa, poi?) danno a noi la colpa: siamo noi che andiamo dietro ai mascalzoni e gli uomini buoni, gentili e seri non li guardiamo nemmeno.

    Addirittura, il mascalzone si categorizzerebbe in 4 tipologie differenti, ciascuna delle quali andrebbe conquistata in una maniera specifica. Vediamo un po’.

  • Il playboy
  • Di solito più grande ed esperto della donna, è convinto di esercitare un certo fascino e la sua preda ama conquistarsela col suo sex-appeal anziché col denaro (che spesso non gli manca). Per accontentarlo, a quanto pare, basta prendere un piedistallo e mettercelo sopra, quasi venerandolo. Ma, guardiamoci negli occhi un momento: ne vale veramente la pena?

  • Il Peter Pan
  • Di natura imprevedibile, ama la donna che vive con la sua stessa leggerezza, ma che -al momento opportuno- sa essere il saldo punto di riferimento. La novità e il divertimento devono sempre farla da padroni: la noia lo porterebbe a cercare altrove quello che non trova in te. Sì, vabbè, ma cerca una donna o un Luna Park?

  • L’inafferrabile
  • Ho come l’impressione che questo signorino l’abbiamo conosciuto in tante. Appare e scompare con una facilità che manco il Mago Silvan. Farlo rimanere tutto solo davanti ad un tavolo imbandito per una cena a due pare sia il vero segreto per legarlo a sé. Ama le persone che, come lui, scompaiono all’ultimo momento. Sì, ma ‘sto giochetto andava bene da piccoli. Non sarà arrivato il momento di crescere?

  • Il bello e dannato
  • Resistergli è uno dei mestieri che le donne non impareranno mai. Capaci come siamo a imparare a far tutto, non resistiamo al fascino di redimere l’uomo che conduce una vita dissoluta, ma che potenzialmente potrebbe essere il nostro marito perfetto, il padre dei nostri figli che stavamo cercando. La crocerossina che è in noi si mette all’opera e va ad occupare quegli aspetti della sua vita in cui lui non riesce proprio a cavarsela: sotto le lenzuola -bravo com’è- lo lasciamo fare, ma poi la vita gliela organizziamo noi. Gli esperti dicono che funzioni. Mah.

    Dolcetto o scherzetto?