I neonati prematuri crescono meglio sulle note di Mozart

I neonati prematuri crescono meglio sulle note di Mozart
da in Bambini, Benessere, Musica, Salute E Benessere, neonato, stress
Ultimo aggiornamento:

    neonati prematuri

    Una ricerca della Scuola di medicina dell’Università di Tel Aviv ha dimostrato che i bambini prematuri crescono meglio e più rapidamente, se cullati con Mozart di sottofondo, mi dispiace per loro ma Bach e Beethoven non sortiscono lo stesso effetto. Mozart svolge un’azione rilassante che permette ai bambini di stare tranquilli, il loro metabolismo rallenta e non sprecano energie inutili, in questo modo crescono di più perchè le energie sono ottimizzate. La ricerca è molto interessante e magari può funzionare anche se siete delle neo mamme ed i vostri piccoli mostriciattoli non fanno altro che strillare!

    La ricerca è stata condotta su dei neonati prematuri, alcuni sono stati cullati per 30 minuti tra le note di Mozart, altri o senza musica o con altri compositori. Il coordinatore della ricerca, Ronit Lubetzky, ha dichiarato: “Supponiamo che le melodie ripetitive di Mozart agiscano sulla corteccia cerebrale perché abbiamo verificato come lo stesso effetto non si ottenga con musiche di Beethoven, Bach o Bartok, dall’andamento meno lineare di quelle di Mozart. Per avere una accurata spiegazione scientifica del fenomeno sono necessari altri studi, ma è già evidente la ricaduta di tale scoperta sul trattamento dei neonati prematuri.

    L’aumento del peso è essenziale per ridurre i tempi di permanenza in incubatrice e in ospedale e la musica di Mozart è soltanto uno degli elementi che possiamo utilizzare per creare intorno ai bambini un ambiente più favorevole“.

    La medicina si è occupata molto spesso dell’azione rilassante che può avere la musica, di come può calmare l’ansia e lo stress, promuovendo un rallentamento del battito cardiaco, a quanto pare però il celebre compositore austriaco non ha rivali, le “pillole di Mozart” sono tra le cure più efficaci in circolazione!

    L’azione distensiva della musica classica è stata accertata anche per adulti colpiti da ictus in cui si è stata notata una diminuzione della frequenza di altri attacchi ischemici transitori. Mozart funziona per neonati, bambini, adulti, anziani, animali e persino per le piante, nel 2005 un produttore di vino, Giancarlo Cignozzi, era convinto che la sua uva crescesse meglio se tra i filari venivano diffuse le composizioni di Mozart!

    Io vado a comprare un cd di Mozart, e voi che aspettate?

    Foto da:
    magacirce.ilcannocchiale.it

    442

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBenessereMusicaSalute E Benessereneonatostress

    San Valentino

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI