Gli errori nel make up, la top five dei più comuni

Gli errori nel make up, la top five dei più comuni
da in Bellezza, Cosmetici, Look, Make-Up, Pelle
Ultimo aggiornamento:

    Errori make up

    Realizzare un perfetto make up è un’arte sopraffina, non a caso i migliori visagisti li definiamo make up artist, ovvero artisti del trucco. Sono professionisti che sanno utilizzare al meglio i prodotti cosmetici per valorizzare anche il viso meno seducente, semplicemente riuscendo a camuffare i difetti enfatizzando al contempo i pregi, e facendo emergere la personalità della donna che stanno truccando. Ma la maggior parte di noi non ha la fortuna di avere un truccatore a propria disposizione, perciò ci dobbiamo arrangiare da sole, procedendo per prove e errori. A proposito di “pasticci”, non c’è nessuna di noi “profane” che non commetta qualche errore nell’eseguire il proprio make up quotidiano, sia nella scelta dei cosmetici che nell’applicazione.

    Vediamo a tal proposito una divertente top five degli “orrori”, di cui eventualmente prendere atto per correggere subito il tiro.

    Il primo, comunissimo errore, è quello di sbagliare nella scelta del fondotinta, intendendo proprio la tonalità. Non c’è risultato più antiestetico di un viso con un bello “stacco” evidente tra mandibola e collo. In genere si cade in questo errore perché si confonde il fondotinta con una terra abbronzante, e si cerca, attraverso questo prodotto che in realtà deve semplicemente uniformare e rendere compatto il nostro incarnato, di eliminare il pallore e sembrare più colorite. Ma anche una tonalità troppo chiara o diversa dalla nostra carnagione di base (un classico è il fondotinta rosato su un viso olivastro) sortisce un effetto disastroso. Quando andiamo in profumeria per scegliere il nostro fondotinta, dobbiamo applicare il tester non sulla mano, ma sul collo, osservare l’effetto alla luce del giorno e possibilmente chiedere conferma all’esperta del negozio. La nostra pelle dovrà apparire uniforme, luminosa e perfettamente naturale.

    Il secondo errore più comune è quello di effettuare un make up su un viso stanco, non idratato e non esfoliato. La pelle va preparata prima dell’applicazione dei cosmetici, altrimenti il risultato sarà terribile, con il rischio di rendere visibili pellicine e discromie, oltre alle piccole rughe di espressione. Prima del trucco va sempre stesa una buona crema idratante, e una o due volte alla settimana va effettuato un peeling dolce per eliminare le cellule morte e stimolare il rinnovamento cellulare. Via libera, una volta alla settimana, anche a qualche buona maschera fatta in casa, da scegliere in base alla tipologia della nostra cute (sensibile, grassa e impura, secca eccetera).

    Terzo comunissimo errore: cercare di aumentare il volume delle labbra tracciando la matita oltre il contorno naturale. In genere questa operazione non solo penalizza la bocca anziché enfatizzarla, ma soprattutto conferisce una nota volgare a tutto il trucco.

    L’effetto volumizzante, semmai, si ottiene seguendo il contorno labbra esterno (ma non oltre il confine naturale), con una matita dello stesso colore del rossetto che intendiamo usare. Tuttavia, se non siamo sicure della nostra manualità, meglio lasciar stare, oppure esercitarci molte volte in casa, da sole, fino a quando il risultato non sia davvero molto naturale.

    Un quarto errore assai diffuso è quello di fare disastri con le sopracciglia. Troppo sottili e rade, troppo folte e senza forma, o (orrore degli orrori), mal ridisegnate con la matita scura per occhi, questi sono gli errori più comuni, che possono pregiudicare l’effetto globale anche di un make up ben eseguito. La forma delle sopracciglia andrebbe definita da un bravo estetista (soprattutto la prima volta che si “toccano”), senza mai renderle troppo sottili, perché c’è il rischio di impoverirle “denudando” lo sguardo. La forma va armonizzata con i lineamenti del volto e se proprio le si vuole “rinforzare” con del colore, meglio usare un po’ di ombretto di una nuance leggermente più scura del colore naturale dei pelucchi, piuttosto che la matita. Quest’ultima, infatti, se non usata con estrema perizia, conferisce un aspetto finto, da circo, davvero poco attraente.

    Chi di noi non ha cercato di dare volume al viso con l’ausilio di fard e terre colorate? Zigomi definiti e zone d’ombra per minimizzare lineamenti troppo “forti” o guance paffute sono i nostri obiettivi, peccato che spesso e volentieri il nostro make up ci renda solo delle maschere marroni con pomelli alla Heidi. Sfinare, scolpire un viso con pennelli e polveri è molto difficile, specie da sole. Meglio andare in un buon Centro estetico e farci studiare un bel make up ad hoc, che poi cercheremo di rifare a casa (se abbiamo la manualità giusta) adoperando gli strumenti e i cosmetici giusti per noi.

    950

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BellezzaCosmeticiLookMake-UpPelle Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30/05/2012 15:07
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI