NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Gessica Notaro, l’ex fidanzato Edson Tavares tenta il suicidio in cella

Gessica Notaro, l’ex fidanzato Edson Tavares tenta il suicidio in cella

L'ex fidanzato della Miss 28enne di Rimini accusato di averla sfregiata con l’acido ha tentato di impiccarsi nella cella del carcere di Forlì dove è rinchiuso dal gennaio scorso. La difesa di Edson 'Eddy' Tavares: 'Prostrato dopo aver visto le condizioni di Gessica'.

da in Attualità, Cronaca, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Gessica Notaro, l’ex fidanzato Edson Tavares tenta il suicidio in cella

    Edson Tavares, l’ex fidanzato di Gessica Notaro accusato di averla sfregiata con l’acido il 10 gennaio, ha tentato il suicidio in cella a Forlì. Il tentativo di togliersi la vita sarebbe avvenuto con l’utilizzo di un lenzuolo con cui il giovane avrebbe provato ad impiccarsi. L’uomo originario di Capo Verde, in carcere dal gennaio scorso, si trova ora in regime di stretta sorveglianza ed è stato salvato dagli agenti. Secondo i suoi legali Edson “Eddy” Tavares sarebbe piuttosto provato dopo aver visto la sua ex fidanzata in udienza, il 27 aprile, per la prima volta dopo la brutale aggressione che l’ha sfigurata. L’imputato, che continua a dichiararsi innocente, avrebbe subito uno shock nel vedere le condizioni di Gessica Notaro.

    Edson Tavares ha tentato di impiccarsi nella sua cella del carcere di Forlì. A salvarlo sono stati gli agenti, e per precauzione è stato sottoposto a un regime di stretta sorveglianza. Secondo alcune fonti, il giovane di Capo Verde avrebbe usato un lenzuolo per impiccarsi alle sbarre.
    Tavares, che da sempre si professa innocente, vivrebbe in uno stato di prostrazione dopo il primo incontro in aula con la sua ex fidanzata. A riferirlo è uno degli avvocati della difesa, Riccardo Luzi: “Il ragazzo è rimasto colpito da Gessica, dalle sue condizioni”. Ad aumentare lo stress emotivo del giovane capoverdiano, secondo il legale, sarebbe stata anche la deposizione della madre della ragazza, Gabriella Botturi. La prima udienza del processo per stalking ha infatti raccolto la testimonianza di quest’ultima. La giovane sfregiata con l’acido non ha parlato, ma le condizioni di Gessica Notaro avrebbero sconvolto a tal punto il suo ex da indurlo in uno stato di profonda depressione, afferma l’avvocato Luzi.
    Eddy Tavares non sarebbe nuovo a tentativi di suicidio: lo avrebbe fatto almeno altre due volte, prima di aggredire e sfregiare Gessica.

    Gessica Notaro ha recentemente pubblicato il suo primo selfie sull’account Instagram. Dopo l’acido, la 28enne ha trovato ancora una volta il coraggio di mostrarsi, di rendere pubblica l’immagine del suo volto. Ha postato una foto dove si possono vedere i segni dell’aggressione insieme ad altre immagini del passato. Dopo essersi mostrata pubblicamente al Maurizio Costanzo, adesso utilizza i social anche per difendere la sua identità contro chi crea falsi profili.

    Nel suo post ha allegato foto e anche un messaggio preciso: “L’ho fatto per garantirvi che questo è il mio UNICO profilo Instagram e che tutti gli altri sono falsi, creati da persone che si divertono a scrivere frasi e pubblicare vecchie foto rubate da internet spacciandosi per me. Vi chiedo aiuto per segnalare questi individui. Grazie mille”. L’account ha registrato migliaia di follower. Oltre al selfie, quasi tutte le foto raccontano del lavoro di Gessica al delfinario, con gli animali.

    Il post è stato pubblicato pochi giorni dopo la comparsata dell’ex Miss alla prima puntata di Maurizio Costanzo, dove ha mostrato alle telecamere il suo volto. Si è presentata in studio in jeans, tacchi e maglietta, capelli raccolti e un foulard in testa. Dopo qualche minuto abbiamo potuto vedere i segni della violenza: le cicatrici e l’occhio sinistro ancora bendato. La puntata è andata in onda lo scorso 20 aprile, in seconda serata, su Canale 5. È stata la prima volta che Gessica ha mostrato il suo volto in pubblico. Lo aveva fatto solo davanti al giudice all’udienza a porte chiuse a Rimini nel processo per stalking per il quale l’ex fidanzato Tavares è stato rinviato a giudizio. La decisione di partecipare al salotto di Costanzo è stata presa con l’intenzione di mostrare a tutti i segni della violenza sulle donne, quella violenza che cerca di annientare la vita di una donna deturpandole per sempre l’aspetto. “Voglio che si veda cosa mi ha fatto: questo non è amore” ha da sempre ammonito la ragazza. Stesso motivo che l’ha portata a decidere di presenziare all’udienza contro Tavares: “Sarò in aula perché voglio che mi veda, deve sapere quello che ha fatto”. La triste vicenda ricorda per molti aspetti quella di Lucia Annibali, l’avvocatessa sfregiata dall’ex Luca Varani nel 2013 e divenuta oggi simbolo della battaglia contro la violenza sulle donne.
    Durante la puntata, a cui ha presenziato anche la mamma di Gessica, è intervenuto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in collegamento telefonico, che ha anticipato un incontro con la giovane, avvenuto due giorni dopo, il 22 aprile. Una decisione apprezzata sia da Gessica che da Costanzo, che ha commentato: “E’ la prima volta in 30 anni di Costanzo show che un ministro trova una soluzione così immediata”.

    Gessica Notaro, Miss Romagna 2007, è stata aggredita il 10 gennaio scorso quando l’ex fidanzato, il capoverdiano Edson Tavares, le tese un agguato sotto casa. La giovane, addestratrice di leoni marini al delfinario di Rimini e cantante agli esordi, ha ripercorso davanti alle telecamere l’incubo che ha vissuto e si è sfogata contro la decisione del gip di Rimini: dopo la prima denuncia per stalking, optò per il divieto di avvicinamento alla ragazza e non per l’arresto, come voluto dalla procura. Qualche mese dopo, purtroppo l’aggressione con l’acido che ha cambiato per sempre la vita della ragazza.

    GUARDA LE FOTO DI KATIE PIPER: LA MODELLA SFREGIATA CON L’ACIDO

    A marzo Gessica si è sottoposta all’intervento all’occhio sinistro. La miss era già stata operata due volte al volto per ricostruire prima la pelle e successivamente gli occhi. Dopo l’operazione pubblicò un commento su Facebook: “I dottori dicono che è andato tutto bene, però ancora non so dirvi se riesco a vedere meglio di prima perchè l’occhio dovrà rimanere chiuso e bendato per un bel po’ di tempo.. forse addirittura per un paio di mesi”. E ancora, tempo prima, sempre tramite il social anche tempo fa aveva condiviso una foto con un cuore “dedicato ai medici, alle infermiere del Bufalini di Cesena e tutti quelli che ogni giorno le mandano i saluti”.

    Purtroppo la triste piaga dell’acido ormai è una pratica ormai nota nella violenza contro le donne: simbolo tra tutte è Lucia Annibali, sfregiata dal suo ex e sottoposta a 16 operazioni per ricostruire il suo volto e parte del corpo.
    Ma la cronaca è piena di casi del genere. Come dimenticare la famosa coppia dell’acido Martina Levato e Alexander Boettcher, responsabili di tre aggressioni con l’acido agli ex della ragazza, che dovevano “purificarla”.
    L’aggressione alle donne con acido è una vile forma di violenza premeditata nella quale alla vittima viene gettato solitamente una sostanza corrosiva sul volto, bruciando fino a danneggiare gravemente i tessuti della pelle, spesso addirittura fino ad esporne le ossa. L’intento è quello di sfigurarla, mutilarla, torturarla e umiliarla: da lì in poi tutta la vita della vittima sarà un calvario dal punto di vista psicologico.

    1624

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàCronacaViolenza sulle donne
    PIÙ POPOLARI