Germania: esplosioni contro il bus del Borussia Dortmund, non si esclude la pista islamica radicale [FOTO]

Torna la paura di attentati in Germania, dove per le esplosioni che hanno coinvolto il bus del Borussia non si esclude l'ipotesi terrorismo. Dopo l'attentato a Berlino la tensione è altissima. Trovati anche oggetti sospetti nell'hotel riservato alla formazione tedesca.

da , il

    In Germania si indaga sulle esplosioni davanti al bus della squadra del Borussia Dortmund: non si esclude la pista islamica radicale. Un difensore 26enne della squadra, Marc Bartra, è rimasto ferito a causa delle schegge di vetro frantumato dopo la deflagrazione. La stampa tedesca ha parlato di “esplosivo” posizionato precedentemente lungo la carreggiata. Il match è stato rinviato alle 18.45 di oggi. Nessuna criticità è stata rilevata all’interno e all’esterno dello stadio, ma la tensione è altissima e le forze di polizia giunte sul posto hanno effettuato operazioni di ricognizione alla ricerca di eventuali ordigni inesplosi. Allerta massima anche per il ritrovamento di alcuni oggetti sospetti nei pressi dell’hotel in cui la formazione del Borussia avrebbe dovuto soggiornare.

    Esplosioni poco prima dell’incontro di Champions League

    Le esplosioni si sono verificate poco prima dell’incontro di Champions League tra Borussia Dortmund e Monaco.

    Gregor Lange, capo della polizia di Dortmund in conferenza stampa ha parlato di un “attacco mirato alla squadra del Borussia”. Mentre si cerca di capire il movente dell’accaduto, le autorità non escludono possa trattarsi di un attacco di matrice islamica radicale. I giocatori, secondo fonti tedesche, sono ancora sotto shock anche a causa del ferimento del difensore Marc Bartra, che nell’esplosione ha riportato ferite ad un braccio e le condizioni del suo polso hanno richiesto un intervento chirurgico.

    La pista islamica radicale non è esclusa

    Tra le ipotesi degli inquirenti in queste ore si fa largo anche la pista dell’estremismo islamico.

    Sul luogo delle esplosioni sarebbe stata ritrovata anche una lettera di rivendicazione ora al vaglio della polizia, che conterrebbe anche un preciso riferimento all’attentato di Natale a Berlino. In Germania torna la paura, dopo i recenti fatti di Stoccolma. La dinamica stavolta è però differente, per questo gli inquirenti stanno usando tutte le cautele del caso nell’attribuzione dell’episodio. I calciatori sono stati immediatamente trasferiti in un luogo sicuro, e la partita si svolgerà regolarmente questa sera, nonostante il comprensibile clima di tensione tra le panchine delle squadre e tra i tantissimi tifosi.

    Vicino al bus del Borussia ritrovata una lettera di rivendicazione

    L’incubo terrorismo sembra prendere una forma sempre più concreta dopo che alcune agenzie di stampa tedesche hanno reso noto uno stralcio della lettera di rivendicazione che si sarebbe trovata vicino al bus del Borussia. In un passaggio piuttosto inquietante ci sarebbe un riferimento al contrattacco del sedicente Stato Islamico alle recenti offensive delle nazioni europee sul fronte siriano. In particolare si citano i Tornado tedeschi impegnati in Siria, dove, secondo la lettera, si starebbe compiendo l’uccisione dei musulmani. Per questo motivo “in Germania e nelle altre nazioni crociate” il Califfato ha stilato una “lista della morte” in cui sarebbero presenti, oltre agli atleti, anche altre personalità di rilievo. Un passaggio che crea non poche domande e riflessioni, dopo gli attentati dei mesi scorsi nelle grandi capitali d’Europa.