Gambe gonfie e ritenzione idrica

da , il

    E’ uno dei disturbi più comuni e fastidiosi che colpisce noi donne: la ritenzione idrica. Di cosa si tratta?

    E’ l’accumulo di liquidi negli spazi intercellulari che causa gonfiore ed edema negli arti inferiori. Anche problemi alla circolazione sanguigna possono provocare un ristagno di liquidi che si manifesta con le gambe gonfie e doloranti.

    Le cause possono essere diverse: uso di alcuni farmaci, terapie ormonali, ma soprattutto consumo eccessivo di cibi che contengono sodio. Limitando drasticamente gli alimenti ricchi di sale, ma anche i carboidrati e i dolci, possiamo prevenire la ritenzione idrica.

    Consumare, invece, molta frutta e verdura, ci aiuterà a migliorare il drenaggio dei liquidi. Naturalmente è necessario bere almeno due litri d’acqua al giorno.

    L’attività fisica è fondamentale: basta anche camminare ogni giorno, per almeno mezz’ora per favorire la circolazione. Anche pedalare in bicicletta, o andare in cyclette, aiuta a migliorare la circolazione a livello degli arti inferiori.

    Un valido aiuto per combattere la ritenzione idrica e le gambe gonfie arriva dalla natura: alcune piante come il rusco, la centella, il tarassaco, l’ippocastano, la betulla e l’acerola, migliorano l’elasticità delle pareti venose. Si trovano sotto forma di integratori, ma anche in creme o gel da spalmare sulle gambe.

    L’ananas è sicuramente il rimedio naturale maggiormente utilizzato per contrastare la ritenzione idrica che causa gambe gonfie e cellulite. L’ananas ha proprietà depurative, disintossicanti e diuretiche. Svolge un’efficace azione drenante e agisce sul ristagno dei liquidi e sul gonfiore.

    Foto: images.craveonline.com www.topnews.in www.buttalapasta.it irisdieta.it i.ehow.com www.willowsclinic.com