Foggia, morta Nicolina Pacini, la 15enne ferita al volto dall’ex compagno della madre

La giovane era stata colpita ieri a bruciapelo mentre andava a scuola, fin da subito le condizioni erano gravissime. Il colpevole è Antonio di Paola,ex compagno della madre che non accettava la fine della relazione. L'uomo, poi in fuga, si è tolto la vita con la stessa arma

da , il

    Foggia, morta Nicolina Pacini, la 15enne ferita al volto dall’ex compagno della madre

    E’ morta intorno alle 7 di questa mattina NIcolina Pacini la ragazza di 15 anni che ieri a Ischitella (Foggia) era stata ferita al volto da un colpo di pistola sparato dall’ex compagno della madre, Antonio Di Paola, di 37 anni, che, dopo una fuga nelle campagne circostanti il paese, si è ucciso sparandosi con la stessa arma, una calibro 22.

    Secondo la ricostruzione degli inquirenti , Nicolina intorno alle 7.30 di ieri, mentre si trovava in via Zuppetta per andare a scuola è stata avvicinata da Antonio Di Paola, che – probabilmente – le ha chiesto notizie della mamma, Donatella Rago, di 37 anni, fino ad un mese fa la sua compagna. Al rifiuto della giovane , l’uomo avrebbe sparato colpendola al viso.

    La madre lo aveva denunciato più volte

    La madre Donatella Rago è stata informata dalla notizia mentre si trovava in una località della Toscana dove lavora e dove, pare, avesse cominciato una nuova relazione. Non si dava pace Antonio Di Paola, per la fine della relazione con Donatella e voleva in tutti i modi ritornare insieme alla donna che di recente lo aveva denunciato più volte per minacce, l’ultima un paio di settimane fa. Sette mesi fa dopo che Nicolina era stata minacciata con un coltello i servizi sociali la avevano allontanata insieme al fratello dalla casa materna.

    Colpita mentre andava a scuola

    La ragazza, originaria di Ischitella, in provincia di Foggia, era uscita di casa intorno alle 7,30 e stava attraversando il centro storico del paese per raggiungere la scuola che frequenta. In via Zuppetta è stata raggiunta alle spalle dall’ex compagno della madre che poi le ha sparato un colpo di pistola a bruciapelo centrandola in pieno viso. La vittima era seguita dai servizi sociali ed era sotto la custodia dei nonni.