Finlandese di 21 anni violentata a Roma , terzo caso in poche ore nella capitale

Una studentessa finlandese è stata abusata e violentata vicino alla stazione termini di Roma. Subito identificato l'aggressore, si tratta di un bengalese di 22 anni con un permesso di soggiorno per motivi umanitari. È il terzo caso di violenza a danni di turiste che in poche ore ha scosso la capitale.

da , il

    Finlandese di 21 anni violentata a Roma , terzo caso in poche ore nella capitale

    Una studentessa di 21 anni di origine finlandese è stata attaccata e stuprata vicino alla stazione Termini di Roma. L’aggressore è un ragazzo bengalese di 22 anni, da 3 anni nella capitale con un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Nel corso del week-end romano altre due ragazze sono state vittime di violenza, la prima è riuscita a salvarsi, la seconda è stata ritrovata sotto l’effetto di droga, senza avere ricordi di quella notte.

    Aggredita una turista davanti al Colosseo

    Ore drammatiche per la città di Roma, un week-end all’insegna della violenza contro le donne. Tre le ragazze protagoniste di episodi di violenza, solo una è riuscita a salvarsi.

    La prima è stata una turista americana di 25 anni, assalita da un ivoriano richiedente asilo che cercava di spogliarla nel parco di Colle Oppio, proprio davanti al Colosseo , in pieno giorno. La ragazza è stata fortunata, ha evitato la violenza per un soffio grazie a un passante che l’ha salvata.

    Turista abusata a Roma, trovate tracce di droga

    Una seconda turista è stato invece trovata in stato alterato da un buttafuori di un locale di San Lorenzo. In ospedale i medici hanno trovato tracce di ketamina nelle urine ma la ragazza giura di non aver assunto nessun tipo di sostanza. Forse drogata a sua insaputa, la ragazza non ricorda nulla di quella sera, ma al pronto soccorso sono stati riscontrati segni di un rapporto sessuale. In attesa di ulteriori prove, gli inquirenti sono al lavoro sul caso.

    Violentata e rapinata una studentessa finlandese

    Poche ore dopo, un altro attacco, un’altra violenza sessuale, un’altra straniera la vittima designata.

    Questa volta si tratta di una studentessa-lavoratrice finlandese di appena 21 anni che aveva trascorso la serata al Yellow Bar con un’amica, a poche centinaia di metri dalla stazione Termini. All’uscita, l’attesa di un taxi che non arrivava, mentre un cameriere bengalese di 22 anni si è offerto di accompagnarle a casa.

    “Non andare non lo conosci” questo il monito dell’amica che ha deciso di non fidarsi dell’offerta, mentre l’altra ragazza si è avviata con lui lungo la strada. Pochi metri, abbastanza per non essere visti da nessuno, e il ragazzo ha tentato un primo approccio, subito rifiutato. Il bengalese allora l’ha prima minacciata e poi colpita con un sanpietrino sul petto, prima di trascinarla dietro un pullman dove ha abusato di lei.

    Arrestato il colpevole della violenza

    Dopo la violenza, il furto di 40 euro dal portafoglio per poi dileguarsi nella notte, lasciando la vittima a terra in uno stato di semi-incoscienza. Dall’alto di un palazzo, una condomina, attirata dalle grida della ragazza, ha urlato contro l’aggressore cercando di fermarlo, poi è rientrata in casa per chiamare la polizia. La ragazza ha fatto ritorno al locale dove è stata soccorsa, poi è andata a sporgere denuncia. In poche ore gli inquirenti sono riusciti ad individuare e arrestare il giovane, grazie anche alla testimonianza di una vicina di casa della vittima che lo ha riconosciuto.