Festa delle donna 2017: Napoli e le altre città italiane, tutte le iniziative

da , il

    Festa delle donna 2017: Napoli e le altre città italiane, tutte le iniziative

    AP/LaPresse

    La Festa della donna 2017 a Napoli e in tante grandi città italiane, è all’insegna del divertimento ma senza dimenticare il grande impegno sociale e culturale del mondo femminile. Un 8 marzo nel segno dell’arte, della solidarietà e della lotta alla violenza che raccoglie in un giorno pensieri e speranze contro tutte le discriminazioni di genere. Napoli, Roma, Firenze, Torino e Milano sono alcuni dei centri in cui la donna sarà grande protagonista per tutta la giornata di mercoledi. Alcuni degli eventi rientrano nel più ampio programma di sensibilizzazione socio-culturale già attivo dallo scorso primo marzo, come a Napoli, dove per un mese intero è stato fissato un programma fitto di appuntamenti focalizzati sul binomio donna-cultura e a cui si aggiunge l’ingresso gratuito riservato alle donne nei musei e siti statali promosso dal Mibact.

    A Napoli e in tante città italiane la Festa della donna si veste di cultura

    Nello spettro del dibattito sulle questioni femminili, incorniciato dallo sciopero internazionale delle donne fissato per mercoledì 8 marzo 2017, si inseriscono numerose iniziative collaterali per approfondire i temi legati all’emancipazione della donna, nel lavoro come nella storia e nella quotidianità.

    Napoli è al centro di importanti eventi “in rosa”: Napule è Femmena! è la mostra fotografica dedicata a 10 grandi donne che hanno reso onore alla città, tra tutte Sofia Loren; il Museo Archeologico Nazionale propone un excursus nell’antichità tutta al femminile, dalla mitologia alla storia;

    Pompei ospita, solo per un giorno, il ritorno della “Venere in bikini” nella sua domus originaria.

    Roma : la Casa della Memoria e della Storia inaugura nella giornata di mercoledì 8 marzo, alle ore 18, la mostra “Donne & Lavoro“. Le immagini di Carlo e Maurizio Riccardi, visibili sino al 13 aprile, documentano l’emancipazione femminile attraverso il lavoro. Si tratta di una delle più importanti iniziative della Capitale, che mira a far conoscere i grandi cambiamenti della donna nei ruoli della vita quotidiana.

    A Firenze, fino al 2 aprile prossimo, nella splendida chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte si può assistere alla mostra “Klimt Experience”, che raccoglie oltre 700 immagini in un progetto innovativo con una colonna sonora evocativa e intrigante e 30 proiettori laser che trasmettono immagini su megaschermi da oltre 40 milioni di pixel.

    Museo di Palazzo Vecchio, Scavi del Teatro Romano, Torre di Arnolfo, Santa Maria Novella, Cappella Brancacci, Museo Novecento e Museo del Bigallo sono a ingresso gratuito. Anche le biblioteche fiorentine ospitano interessanti percorsi di lettura e bibliografie tematiche.

    Torino è scenario di una delle iniziative più originali: con “Cabrio è donna” i segreti e gli intrighi delle donne di potere vengono riproposti in un tour a bordo di un bus cabrio. Dalle 21.30 “Torino Magica”, particolare tour tra esoterismo, magia e curiosità sulle donne più importanti della città sabauda. Ai Musei Reali una divertente “caccia al tesoro”, alla ricerca di donne, sculture, arazzi e affreschi, è l’appuntamento che coinvolge i partecipanti nella storia di Torino.

    Milano si focalizza sulla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne: piazza Duomo ospita “Pagina Bianca”, una performance ideata dall’artista Ivan Tresoldi e realizzata da Farexbene. Jo Squillo, in città con il suo Wall of Dolls, propone il “muro di bambole”, simbolo delle donne vittime di violenza. Al Museo del Novecento “Ritratto di donna”, concerto con Katia Caradonna al pianoforte e Sergio Bonetti al flauto, alla scoperta delle grandi artiste del passato. In città anche la manifestazione nazionale “Non una di meno“, contro il femminicidio, profonda piaga di oggi.