Festa della Donna 2009: la mimosa

da , il

    L’8 marzo è la Festa della Donna. Il fiore di questa festa è la mimosa. La mimosa è stata scelta come simbolo della Festa della Donna dall’Unione Donne Italiane (U.D.I.) nel 1946, durante la preparazione del primo festeggiamento per l’8 marzo.

    Così la mimosa divenne il fiore simbolo della Festa della Donna; il vantaggio di questo fiore è che fiorisce in questo periodo ed è economico. Purtroppo, però, la mimosa è un fiore delicatissimo e vive poco.

    La mimosa è un albero ornamentale con fiori caratteristici ed inconfondibili: sono di colore giallo intenso raggruppati a grappoli e profumatissimi.

    Se avete un giardino, potete acquistare la pianta e piantarla. Basta posizionarla in un terreno acido, ma al riparo dal vento, dalle correnti d’aria e dal gelo. Il posto ideale sarebbe a ridosso di un muro.

    Come far durare a lungo il rametto di mimosa che vi verrà regalato il prossimo 8 marzo?

    Con un coltellino affilato, bisogna eliminare le foglie rovinate e quelle che si trovano più in basso, che solitamente marciscono perchè sono a contatto con l’acqua del vaso. L’acqua non va fredda, ma appena tiepida per favorire una perfetta fioritura; inoltre, è importante tenere la mimosa lontana da fonti di calore. Evitate anche gli ambienti troppo secchi.

    Potete anche seccare e conservare il rametto di mimosa: basterà tenerla a testa in giù in un ambiente buio (ad esempio all’interno di un armadio) per qualche giorno, dopo aver eliminato tutte le foglie. Poi, spruzzare un pò di lacca per i capelli per conservare al meglio i fiori.

    Nella fotogallery, potete ammirare delle bellissime mimose.

    Foto: it.wikipedia.org www.scattieparole.it species.blogosfere.it www.clima.ibimet.cnr.it www.cisl.sondrio.it www.leggievai.it

    Dolcetto o scherzetto?