Festa della donna 2011: l’edizione numero 100

da , il

    festa della donna 2011

    Oggi è la festa della donna, c’è chi festeggia e la ignora, chi la aspetta e chi la odia, di certo oggi è un giorno un po’ speciale, per quello che rappresenta ma anche perchè ci da la possibilità di fermarci un attimo e riflettere su quello che c’è attorno a noi. Comunque voi la pensiate essere donna è molto di più di accettare un rametto di mimosa, dovrebbe significare il rispetto, la parità dei diritti, la diversità ma non solo oggi, tutti i giorni.

    Dando per buona la data 8 marzo 1911, il giorno in cui venne istituita la Giornata Internazionale della donna, quest’anno ricorre il centesimo anniversario. I bilanci sono inevitabili, soprattutto visto la situazione politica che c’è nel nostro paese, il bunga bunga, donne che si vendono per il successo o per soldi.

    Se tante cose sono già cambiate, altre ne devono cambiare. Io non voglio fare la pessimista a priori, è chiaro che adesso per noi donne le prospettive di lavoro si sono allargate, un uomo deve solo azzardarsi a dire che non vuole che lavoriamo, o a picchiarci, insomma se di base c’è un po’ di carattere io credo che il rispetto ormai non manchi più. Se manca è ora di prenderselo, perchè è la prima cosa in tutti i rapporti con gli altre persone.

    Non guadagniamo quanto gli uomini, siamo più discriminate, siamo più soggette al licenziamento e più propense a sacrificarci per la famiglia, anche quando basterebbe solo dividersi i compiti. Credo che tutte queste cose prima o poi cambieranno, ci vuole consapevolezza, ci vuole carattere, voglia di abbattere qualche muro anche a costo di graffiarsi un po’ e perdere qualche fidanzato, che di certo non ci merita.

    La festa della donna non è un giorno in cui i maschietti di casa non devono farci lavare i piatti o rifare i letti, non siamo una specie protetta che merita un giorno di riposo. Approfittiamo dell’8 marzo per prenderci quello che è nostro: libertà, tempo, rispetto, sorrisi, uscite con le amiche, coltivare le proprie passioni, vivere insomma. Se già lo fate benissimo, se no, è ora di iniziare e continuare tutti i giorni!

    Auguri a tutte, è bello essere donne… tutti i giorni!