Essere mamma è un lavoro: se retribuito varrebbe 3mila euro

Il ‘lavoro di mamma’ se retribuito varrebbe 3000 euro al mese. Secondo un calcolo, nella fittizia busta paga ci sarebbero voci come collaboratrice domestica, autista privato, personal shopper e life coach. Il lavoro quotidiano coi figli, la casa e il marito sarebbe pari allo stipendio dei manager.

da , il

    Essere mamma è un lavoro: se retribuito varrebbe 3mila euro

    Il ‘lavoro di mamma’ se retribuito varrebbe 3000 euro al mese: a dirlo uno studio che ha voluto calcolare spese e retribuzione mancata per una madre che si dedica ai propri figli. Prendendo in considerazione tutte le attività svolte dentro e fuori casa, con le relative paghe orarie riconosciute a chi esercita i diversi mestieri al di fuori della famiglia, una mamma avrebbe una busta paga da manager.

    Il mestiere di mamma: uno stipendio da manager

    La cifra esatta calcolata come equa retribuzione per una mamma è 3045 euro netti. Uno stipendio pari a quello di chi ricopre cariche manageriali, di medici specializzati e di liberi professionisti.

    Vediamo, secondo la ricerca, come si è arrivati a tale considerazione.

    Prima di tutto sono stati enumerati i lavori che svolge una madre, a partire dalla professione di autista privato. E’ infatti una chauffeur in gonnella che accompagna i figli a scuola, li va a riprendere, li porta a praticare sport, dai nonni, dagli amichetti. Un servizio taxi 24h su 24. La retribuzione oraria media per questa professione è pari a 13 euro l’ora.

    La mamma è anche uno chef a domicilio, una professione sempre più in voga e che guadagna mediamente 30 euro l’ora.

    Tra i vari ruoli di una mamma, tra i più faticosi, c’è quello di collaboratrice domestica: lava, stira, fa le pulizie, tiene in ordine la casa. Sono mansioni che, diciamocelo oltre ad essere noiose, in media portano via almeno 18 ore a settimana.

    Da non dimenticare che la mamma è anche una personal shopper. Considerando che una consulente per gli acquisti ha una paga oraria pari a 50 euro, il calcolo è presto fatto: una madre, in un mese, ne guadagnerebbe almeno 150, considerando che la sua consulenza non verte solo su scarpe e vestiti, ma anche su libri, cancelleria, articoli sportivi e giocattoli.

    Insomma una mamma, praticamente reperibile 24h su 24, sarebbe davvero ricca se potesse trasformare le sue attività in impiego redditizio. Già tempo fa ci aveva avvertito il rapporto stilato da Davos, secondo il quale le mamme italiane risultano le ultime come lavoro non retribuito.

    Anche perché nel calcolo manca un punto fondamentale e che alzerebbe la cifra: il ruolo di life coach.

    Ogni mamma, così come anche i papà, sono insegnanti di vita, che dispensano regole e insegnamenti. Dedicando il proprio tempo, il proprio amore, parla e fornisce l’esempio di vita. La mamma è la prima life coach che incontriamo nella nostra esistenza con un “contratto” che non prevede ferie e permessi orari. Se avesse una retribuzione su questo bellissimo ed impegnativo mestiere, arriverebbe addirittura a guadagnare 8.810 euro al mese.

    La busta paga della mamma

    Con un po’ di ironia, la ricerca ha anche stilato una tabella che riporta mansioni e corrispettivo, una sorta di facsimile della busta paga di madre. Sempre rimanendo su un tono ironico, tempo fa è diventato virale il video-parodia dell’intervista alla BBC: prendendo spunto dal collegamento tra l’emittente ed un professore, interrotto dall’arrivo dei figli piccoli, era stato realizzato un video divertente su una mamma. Il filmato mostrava una divertentissima madre multi-tasking, abituata a districarsi tra il lavoro, i figli, la casa e il marito.

    Sia essa una lavoratrice o una madre a tempo pieno, per necessità o per scelta, è un lavoro tra i più cari ( in tutti i sensi!) del mondo. Ovviamente da tutti i calcoli sono stati esclusi il conteggio ferie ( non retribuite), né bonus e incentivi!

    Dolcetto o scherzetto?