Esami di maturità 2018, seconda prova: le materie

Sono state pubblicate, sul sito ufficiale del Miur, le materie della seconda prova della Maturità 2018. Gli esami di Stato inizieranno il 20 giugno, data in cui è prevista la prima prova. A seguire la seconda, il 21 giugno, e la terza, fissata per il 25 giugno. Prova orale, come di consueto, a circa una settimana dal termine degli scritti.

da , il

    Esami di maturità 2018, seconda prova: le materie

    Il Miur ha pubblicato le materie della seconda prova degli esami di maturità 2018. Dopo lunga attesa, gli studenti si avvicinano sempre di più al faccia a faccia con il tanto temuto esame di Stato che conclude il loro percorso di istruzione secondaria superiore. Sessioni al via il 20 giugno, con la prima prova, a seguire il 21 giugno la seconda e il 25 giugno la terza. Si tratta dell’ultimo anno con questo impianto di esami di maturità, che dal prossimo anno vedrà importanti modifiche.

    Seconda prova esami di maturità: le materie per i vari istituti

    Ecco le materie scelte per la seconda prova scritta degli esami di maturità 2018, pubblicate oggi sui profili social del Miur e sul sito istituzionale dopo una estenuante attesa per gli studenti. Quasi tutto pronto, dunque, in vista dei tanto temuti esami di Stato di giugno 2018. Scongiurato il pericolo ‘Fisica’ per i maturandi dello Scientifico.

    Licei

    • Greco per il Liceo classico
    • Matematica per lo Scientifico
    • Lingua e cultura straniera 1 per il Liceo linguistico
    • Scienze umane per il Liceo delle Scienze umane (anche per indirizzo Economico sociale)
    • Discipline artistiche e progettuali caratterizzanti l’indirizzo di studi per il Liceo artistico
    • Teoria, analisi e composizione per il Liceo musicale
    • Tecniche della danza al Liceo coreutico

    Istituti tecnici

    • Economia aziendale per l’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing
    • Lingua inglese nell’indirizzo Relazioni internazionali per il marketing e nell’indirizzo Turismo
    • Estimo per l’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio
    • Meccanica, macchine ed energia per l’indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia
    • Sistemi e reti per l’indirizzo Informatica e telecomunicazioni
    • Progettazione multimediale per l’indirizzo Grafica e comunicazione
    • Economia, Estimo, Marketing e legislazione per l’indirizzo Agrario

    Istituti professionali

    • Scienza e cultura dell’alimentazione per l’indirizzo Servizi enogastronomia e ospitalità alberghiera
    • Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva per l’indirizzo Accoglienza turistica
    • Tecniche professionali dei servizi commerciali per l’indirizzo Servizi commerciali
    • Tecnica di produzione e di organizzazione per l’indirizzo Produzioni industriali e artigianali – articolazione Industria
    • Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione per l’indirizzo Manutenzione e Assistenza tecnica

    Maturità 2018: le commissioni esterne

    Sul sito ufficiale del Miur è disponibile, oltre alle materie oggetto di seconda prova scritta alla Maturità 2018, anche l’elenco delle discipline affidate alle commissioni d’esame esterne. I commissari esterni avranno competenza su materie individuate per “assicurare un’equilibrata composizione della Commissione”, come precisa il Ministero dell’Istruzione.

    Esami di Stato 2018: le date delle tre prove scritte

    Le date fissate per gli esami di maturità 2018 vedono la prima prova mercoledì 20 giugno, la seconda prova giovedì 21 giugno e la terza prova giovedì 25 giugno. Per quanto concerne la prova orale, di consueto prende il via una settimana dopo il termine degli scritti.

    Maturità 2018: l’ultimo esame con l’attuale impianto di ammissione e svolgimento

    La Maturità 2018 è l’ultima del suo genere: dal 2019 entreranno in vigore le nuove regole per l’ammissione e per lo svolgimento degli esami di Stato.

    Per essere ammessi, infatti, servirà il 6 in tutte le materie e la frequenza di almeno tre quarti delle lezioni. Obbligatoria anche l’alternanza scuola-lavoro e i test Invalsi. Sparirà la terza prova d’esame.