Esame di maturità 2016, prima prova: le tracce del tema

da , il

    Esame di maturità 2016, prima prova: le tracce del tema

    Mercoledì 22 giugno ha segnato l’inizio dell’esame di maturità 2016, per 503mila studenti chiamati a svolgere la prima prova: quella del tema di italiano. Un tema uguale per tutti i maturandi, a prescindere dall’indirizzo della scuola. Quindi, come di consueto, al suono della campanella alle 8.30 tutti con la penna in mano. Le tracce sono arrivate per via telematica, nello stesso momento, a tutte le 25.000 classi.

    Per quanto riguarda l’analisi del testo siamo rimasti nelle aspettative: è stato assegnato un brano di Umberto Eco, scomparso proprio quest’anno.

    Per il tema storico,invece, gli studenti sono stati chiamati a scrivere sul voto alle donne.

    Per il tema d’attualità: riflessione sul significato del “confine“, i limiti naturali, storici, mentali.

    Il tema letterario richiedeva invece la trattazione del rapporto padre-figlio nella letteratura.

    Infine “l’uomo e l’avventura dello spazio” per quanto riguarda la trattazione tecnico-scientifica, prendendo spunto dalle esperienze dei due astronauti italiani Umberto Guidoni e Samantha Cristoforetti. Invece la traccia per la trattazione economica è il “Pil“.

    Queste le tracce della prima prova dell’esame di maturità 2016. Saranno sei le ore a disposizione. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ieri aveva assicurato che ogni studente avrebbe trovato una traccia vicina alla propria sensibilità.

    Il tototema

    C’è chi aveva cercato, nella falsa speranza, di poter trovare qualche “soffiata” su internet, ovviamente senza risultati. Chi invece aveva fatto una lista del toto-tema per arrivare più preparato. Di sicuro quest’anno uno degli argomenti più “gettonati” era l’immigrazione, sulle politiche adottate dai vari paesi: dall’accoglienza ai respingimenti, alla costruzione di muri per arginare il fenomeno migratorio. Sempre rimanendo in ambito internazionale purtroppo l’anno è stato segnato dai terribili attacchi dell’Isis: Parigi, Bruxelles e l’ultima di Orlando.

    Su scala nazionale l’ultima parte dell’anno ( scolastico) ha visto intensificare le cronache dei terribili atti di femminicidio, un fenomeno che ha assunto dati molto preoccupanti, e questo potrebbe essere un’altra traccia. Infine poteva capitare un tema che riguardi il tanto discusso ddl Cirinnà, divenuto legge a tutti gli effetti l’11 maggio.

    L’ultimo autore proposto alla prova dell’anno scorso fu Calvino, che quindi era facilmente eliminabile, così come Montale e Ungaretti, usciti ben 2 volte negli ultimi 10 anni. Il più papabile era Pirandello, anche per il fatto che giusto quest’anno è ricorso l’80esmo anniversario della sua morte. Ma è anche vero che il 2016 ha visto la scomparsa del grande Umberto Eco….ed infatti è proprio toccato lui!

    Per quanto riguarda il tema storico ci appelliamo agli anniversari. Il più importante è stato, lo scorso 2 giugno, quello dei 70 anni della Repubblica Italiana. Da non sottovalutare era il “compleanno” della nostra Repubblica, perché darebbe modo anche di affrontare un argomento molto attuale che è quello del referendum. E’ anche vero che le 70 candeline le ha appena spente l’Unicef, la più grande organizzazione per i diritti dell’infanzia. Anche questo è un tema molto sentito, intriso di collegamenti con fatti di attualità che riguardano i bambini.

    Come si vede su qualcosa possiamo “indovinare” ma non è facile. In questo caso però il nostro tototema non è andato lontanissimo! La cosa più importante è sempre studiare..In bocca al lupo per domani con la seconda prova!