Emma Marrone ha sconfitto il cancro

da , il

    Emma Marrone Gioia

    Emma Marrone è una cantante molto amata da tutte le ragazze e che, con la sua bravura e il suo stile schietto e sincero, ha conquistato anche il temutissimo pubblico del Festival di Sanremo. Emma Marrone è stata portata al successo da Amici, il programma ideato e condotto da Maria de Filippi, ha vinto la scorsa edizione e quest’anno si è portata a casa il secondo posto a Sanremo con i Modà. Emma però conservava dentro di se un terribile segreto, è sopravvissuta al cancro all’utero, è guarita poco prima che iniziasse Amici.

    Emma racconta questa sua terribile esperienza su “Gioia“, la rivista la mette in copertina e raccoglie le sue confidenze. Ecco cosa ha dichiarato Emma: “Con la mia band, i M.j.u.r, registriamo a Torino un disco autoprodotto. Per un anno facciamo su e giù sui treni di notte, siamo morti di fame per amore della musica. Esce il disco e piace, ci chiamano per i concerti ed è pronto un minitour. Il minitour non parte mai perchè io comincio a star male. Sono sempre stanca, si bloccano alcuni funzioni vitali, non mangio, arrivo a 40 chili, sento un peso enorme dentro di me. I medici scoprono che nell’utero ho una grande massa. Tumorale. E maligna. Sono operata d’urgenza a Roma. L’intervento dura sette ore e riescono a salvarmi l’utero. Quando mi sveglio ho un lungo taglio, ma sono già un’altra persona”.

    Questa notizia è stata tenuta nascosta fino ad ora, si è beccata le critiche, i fraintendimenti, tutto ciò che comporta la notorietà, e lo sapete perchè? Non voleva fare la vittima! Ecco come spiega questa scelta: “Fino ad ora lo avevo confessato solo a Maria De Filippi. Non era il momento giusto. Sarei passata per una vittima. Io invece voglio testimoniare. Alle ragazze, le fan, voglio dire: non sono un mito, vivo sotto le vostre stesse nuvole. Sono stata graziata e sento di dover seguire le ragazze. I loro problemi sono i miei. Il perchè? Hanno comprato 150mila copie dei miei dischi e non me ne interesso? Ho i loro soldi in tasca, mi ascoltano e io li devo ascoltare. Non riesco a non farlo. Leggo le loro e-mail e rispondo, a tutti. È il dazio che pago”.

    Alle tante ragazze e alle madri che le scrivono dei loro problemi Emma dice: “Ragazze, non sono la vostra cura. Io voglio essere la colonna sonora della vostra guarigione“.

    La stima verso questa ragazza cresce ancora di più, lei non ha “marciato” sulle sue tragedie, non ha sfruttato la situazione per farsi amico il pubblico. E’ riuscita ad avere successo senza bisogno di raccontare di aver avuto il tumore, adesso, che questa notizia non fa più la differenza, è pronta a raccontare la sua esperienza.

    Dolcetto o scherzetto?