Natale 2016

Elezioni Usa 2016: tutto quello che devi sapere

Elezioni Usa 2016: tutto quello che devi sapere
da in Celebrità straniere, Elezioni presidenziali Usa 2016
Ultimo aggiornamento:

    Oggi gli Americani eleggeranno il loro 45esimo Presidente: gli elettori sono chiamati a scegliere tra il candidato repubblicano Donald Trump e la democratica Hillary Clinton. Ecco tutto quello che devi sapere sulla corsa alla Casa Bianca. In alcuni Stati hanno già iniziato a votare, per via di quello che si chiama early voting, il voto anticipato, previsto in ben 37 Stati degli Usa che consiste nella consegna via posta, via mail o a mano del voto.
    L’Election Day inizia dunque oggi martedì 8 novembre: è da sempre il martedì successivo al primo lunedì di novembre. In Italia, evento molto atteso e seguito, sapremo il nome del presidente mercoledì 9 novembre alle 5 del mattino, quando in America è mezzanotte.

    Subito dopo l’annuncio del vincitore, il nuovo Presidente degli Stati Uniti terrà il suo primo discorso. Sarà però formalmente eletto il 12 dicembre ed entrerà in carica il 20 gennaio. Questo perché vige un sistema chiamato electoral college: il presidente non è eletto direttamente dal cittadino, ma questi eleggono a loro volta un collegio di “grandi elettori” che esprimeranno la loro preferenza. Trump e la Clinton, per diventare presidente, devono conquistare almeno 270 grandi elettori. Nel caso di ex aequo, con entrambi i candidati bloccati a 269 grandi elettori, la Camera dei rappresentanti deve votare e scegliere il prossimo presidente.
    Entrambi i candidati attenderanno il verdetto in una sorta di veglione, un “election party” nella città di New York.

    LA CORSA ALLA CASA BIANCA DI HILLARY CLINTON

    Le cabine elettorali sono aperte in tutti i 50 Stati in sei fusi orari diversi. 225 milioni sono gli americani con diritto di voto (119 milioni di donne e 106 milioni di uomini) ed è prevista grande affluenza.
    Si inizia alla mezzanotte italiana, le 18 sulla costa Est degli Stati Uniti. I primi seggi a chiudere saranno quelli di Indiana e Kentucky, dove dovrebbe essere scontata la vittoria di Trump. All’una del mattino chiudono i seggi in Florida, Georgia e Virginia. Grande attenzione sul voto in Florida, l’unico stato ad assegnare ben 29 voti al collegio elettorale.

    Sarà poi la volta del North Carolina, Ohio e West Virginia. Alle due chiudono le urne in moltissimi Stati, molti già assegnati ma altri ancora in bilico, come Michigan, Pennsylvania e Florida. Gli ultimi a chiudere sono i seggi nello Utah e in California.

    IL PRIMO DIBATTITO TV TRA LA CLINTON E TRUMP

    Oltre che per presidente e vice, si vota anche per i 435 deputati alla Camera dei rappresentanti , e 34 senatori su 100. Si vota inoltre per:
    - I governatori di 12 Stati
    - I deputati di 44 parlamenti statali su 50
    - I sindaci di alcune grandi città come Baltimora, Milwaukee e San Diego
    - Mote cariche locali, come sceriffi e procuratori distrettuali
    - In molti stati si tengono anche i referendum sulla legalizzazione della marijuana e l’aumento del salario minimo legale

    E’ stata una lunga campagna elettorale a colpi di sfida, in cui i due candidati non se la sono certo mandata a dire. Ieri Hillary Clinton e Donald Trump hanno tenuto i loro comizi finali. Per la candidata democratica, all’Indipendence Mall a Philadelphia si sono presentati Obama e Michelle e molte star dello spettacolo che l’hanno sostenuta: Bon Jovi e Bruce Springsteen, mentre Madonna le ha reso omaggio da New York. Donald Trump invece a Reno, in Nevada, ha tenuto un comizio movimentato dall’arresto di un giovane che avrebbe tentato di assalirlo. Entrambi non hanno risparmiato l’attacco, confermando i toni accesi della campagna elettorale.
    E così anche nelle ultime ore prima della votazione Trump e la Clinton si sono rivolti parole poco garbate. Per Hillary “Trump è una mina vagante. Non consentirò a nessuno di farci tornare indietro” mentre Donald Trump, fiducioso nonostante i sondaggi, attacca la rivale democratica: “Hillary è il volto del fallimento, ora è il momento di cambiare”. Staremo a vedere chi vincerà la corsa alla Casa Bianca.

    755

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Celebrità straniereElezioni presidenziali Usa 2016

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI