Natale 2016

Educazione in Italia: la metà dei bambini non legge nemmeno un libro e non pratica sport

Educazione in Italia: la metà dei bambini non legge nemmeno un libro e non pratica sport
da in Attualità, Bambini, Figli, Scuola
Ultimo aggiornamento:
    Educazione in Italia: la metà dei bambini non legge nemmeno un libro e non pratica sport


    Il rapporto sull’educazione in Italia presentato quest’anno da Save the Children è allarmante: la metà dei bambini non legge nemmeno un libro e non pratica sport. Si chiama povertà educativa, secondo la quale risulta che il 48% dei ragazzi tra i 6 e i 17 anni, non ha letto mai un libro al di fuori di quelli scolastici, ben il 69% non ha mai visitato un sito archeologico e il 55% non è mai entrato in un museo. Non va meglio neppure per quanto riguarda l’attività sportiva: secondo il rapporto, la metà dei ragazzi non la pratica.
    C’è ovviamente una correlazione tra la povertà educativa e quella materiale.

    Già gli ultimi rapporti di Save the Children e altre Ong come l’Unicef, denunciavano che oltre un milione e mezzo di bambini in Italia vivono sotto la soglia delle povertà economica. La deprivazione materiale purtroppo si traduce in impossibilità di accedere a quei servizi e beni ritenuti “normali”, come disporre di libri e giochi adatti all’età del bambino, di un posto tranquillo con spazio e luce a sufficienza per fare i compiti, di una connessione Internet. Quindi tutto un insieme di opportunità educative e formative, che permettano ai minori di apprendere, sperimentare, sviluppare e incoraggiare capacità, talenti e aspirazioni. Per alcuni versi, la povertà educativa è più “subdola” di quella economica, perché agisce in modo meno evidente, ma priva i giovanissimi dell’opportunità di costruirsi un futuro e anche solo di sognarlo. Le due povertà si alimentano reciprocamente.

    SCOPRI I 10 MOTIVI PER LEGGERE UN LIBRO

    Il triste primato in Italia in termini di povertà educativa lo detengono le Regioni del sud con la Sicilia e la Campania, a seguire Puglia e Calabria. Le migliori invece sono Friuli Venezia Giulia, Lombardia ed Emilia Romagna. In queste ultime Regioni, le attività scolastiche ed extra sono più ricche ed avanzate; il top si registra a Bolzano.

    La mancanza di possibilità economiche rende difficile per esempio, l’accesso alla scuola a tempo pieno: in Italia solo il 30% degli alunni della scuola primaria può permettersi la frequenza a tempo prolungato. Per il resto del tempo, questi bambini vivono in condizioni abitative non adeguate, spesso si ritrovano tutto il giorno in aree urbane degradate e in mancanza di un ambiente pulito dove poter giocare. Per arginare il fenomeno della dispersione scolastica, la ministra dell’Istruzione Stefania Giannini aveva presentato il progetto “Scuola al Centro”: scuole aperte d’estate e la domenica, una proposta che aveva trovato il plauso di molti genitori, mentre ad alcuni sembrava essere una sorta di “parcheggio gratuito” per i bambini.
    Chi vive al di sotto della soglia della povertà non ha in casa un computer ed è privato di tutte quelle attività ricreative come andare al cinema, frequentare corsi alternativi e attività sportive. La mancanza di tutte queste possibilità è responsabile di un altro dato allarmante: il 20% dei quindicenni non raggiunge la soglia minima di competenza in lettura e il 25% quella in matematica.
    I dati sono davvero preoccupanti, tanto che nell’ultimo Patto di Stabilità è stato istituito il Fondo sulla Povertà educativa minorile, alimentato dalle donazioni bancarie, con un budget annuale di 100 milioni di euro per tre anni.

    639

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàBambiniFigliScuola

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI