E’ morto Nicky Hayden, il campione di Moto GP investito in bici

E' morto al Bufalini di Cesena il pilota Nicky Hayden a seguito dell’incidente stradale avvenuto a Rimini mentre si allenava con la bici. Il campione del Mondo Motogp 2016 aveva riportato un ematoma cranico e fratture ed era in rianimazione. Giunta nei giorni scorsi la famiglia dagli Usa e la fidanzata Jacqueline Marin.

da , il

    Nicky Hayden è morto: il pilota rimasto coinvolto in un incidente mentre si allenava in bicicletta sulle strade di Misano è deceduto all’ospedale Bufalini di Cesena. Il campione del mondo di Moto Gp 2006 era ricoverato in rianimazione dopo essere stato investito in bici da un’auto e aver riportato un trauma cranico. La morte del pilota è stata annunciata con una nota dell’ospedale romagnolo, che successivamente ha spiegato che il comunicato è stato anticipato per errore, prima di avvertire la famiglia. La situazione è apparsa subito critica, tanto che il primo bollettino medico di mercoledì scorso parlava di condizioni di estrema gravità.

    La bici, tagliata in due, è stata sbalzata a metri di distanza nell’erba, il parabrezza dell’auto in frantumi. Il campione di Superbike è stato trasportato subito con l’elisoccorso al Bufalini, dove nonostante i tentativi dei dottori, è deceduto.

    La famiglia e la fidanzata di Hayden arrivati nei giorni scorsi dagli Stati Uniti

    La famiglia del 36enne è partita dagli Usa il giorno dopo il ricovero. A preoccupare maggiormente i medici era il possibile danno cerebrale che Nicky avrebbe potuto riportare in conseguenza a questo trauma. La famiglia è subito accorsa: arrivati il giorno dopo l’incidente la mamma Rose e il fratello maggiore Tommy, ex pilota professionista. Era rimasto invece in Usa il papà Earl alle prese con problemi di salute, che di recente ha avuto qualche problema cardiaco, così come non è venuto il fratello minore Roger Lee. Quest’ultimo è infatti impegnato nel campionato MotoAmerica, dove corre con la Suzuki con ottimi risultati. Successivamente è giunta anche Jacqueline Marin, la fidanzata di Hayden. La star di Tequila Sisters è stata accanto al suo compagno fino all’ultimo.

    L’incidente stradale di Nicky Hayden

    Il terribile incidente stradale risale a mercoledì intorno alle 14. Il pilota statunitense della Superbike viene travolto da un’auto, una Peugeot mentre era in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. Lungo la strada che da Riccione porta a Tavoleto, la vettura provoca la caduta del 36enne che sbatte violentemente contro il cofano e il parabrezza. Le forze dell’ordine sono ancora al lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente, e in queste ore è stata rivelata l’esistenza di un video che potrebbe essere decisivo. Secondo quanto trapelato, sembra che le immagini in questione siano state riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti in un’abitazione a pochi metri dal luogo dove è avvenuto l’incidente.

    Il video si trova ora al vaglio degli agenti della Municipale di Riccione, che dovranno capire se l’auto che ha investito il pilota statunitense rispettasse o meno i limiti di velocità, così come se è stata rispettata la precedenza o meno. Il conducente coinvolto è un 30enne romagnolo, risultato negativo all’acoltest.

    Hayden, lo scorso fine settimana, aveva corso a Imola nel Mondiale Superbike e aveva deciso di fermarsi qualche giorno in Italia, prima del prossimo impegno di campionato, il 27-28 maggio a Donington, in Gran Bretagna.

    Miles W/ the Mayor of Misano @denispazzaglini

    A post shared by Nicky Hayden (@nicky_hayden) on

    Giusto un giorno prima dell’incidente aveva postato un selfie in bici insieme all’amico Denis Pazzaglini, meccanico della Motogp.

    Secondo una prima ricostruzione fatta dalla polizia municipale, a causare il sinistro pare sia stata una mancata precedenza.

    I messaggi di incoraggiamento e di affetto per Hayden

    Hayden aveva tantissimi amici in Italia tra la Riviera Romagnola e la zona di Pesaro: alcuni collaborano da anni con lui, altri erano semplici conoscenti legati da profonda amicizia. Il suo legame con l’Italia non si limitava al fatto di aver corso per la Ducati in MotoGP per quattro stagioni. Prova è che molti amici nel nostro paese hanno offerto ospitalità e il supporto necessario alla famiglia di Hayden.

    Moltissimi anche i messaggi sui social che dimostrano affetto. Si auguravano tutti che le sue condizioni migliorassero quanto prima.

    Nicky Hayden e la fidanzata Jacqueline Marin

    Dolcetto o scherzetto?