Donare i capelli: Wigs4Kids per i bambini malati di cancro

Avete mai pensato i donare i vostri capelli? Sembra incredibile che si possa fare ed invece è così, per una causa più che buona, come ridare il sorriso ai bambini malati. I capelli si possono perdere per vari motivi, uno su tutti la chemioterapia per curare il cancro, ma anche l’alopecia o altre gravi malattie della pelle. Se avete i capelli lunghi ed avete in mente un nuovo taglio di capelli alquanto drastico, potreste valutare l’idea di dare il vostro contribuito al progetto Wigs4Kids, i capelli vanno legati con una coda, o ancora meglio con una treccia, e poi spediti. E’ semplicissimo e farete una buona azione per un bambino malato.

Wigs4Kids è un’associazione che si occupa dei bambini, che oltre ad offrire aiuti, cure e tutto ciò che una persona può fare per far stare meglio un’altra, si occupa anche di quell’aspetto delle malattie, come il cancro, che passa un pò in secondo piano come la totale perdita dei capelli, già sapere di essere malati è brutto, ma “vedersi malati” lo è altrettanto.

Iniziative di sensibilizzazione per ridare il sorriso ai malati di tumore ci sono anche in Italia, un pò di mesi fa vi avevo parlato dei corsi di make up per le donne sottoposte a chemioterapia, questo aspetto della cura esiste in America già dal 1989, in Italia è attuata ancora in pochi ospedali, ma sono certa che pian piano ne verrà riconosciuta l’importanza.

Donare i capelli è semplicissimo, gli unici requisiti che servono sono che i capelli siano puliti e sani e che la ciocca da donare misuri minimo 25 centimetri, non ci sono limiti di età, sesso o nazionalità… e con i vostri capelli un bambino riacquisterà il sorriso, in attesa che i suoi capelli ricrescano spontaneamente.

Fonte | wigs4kids

Segui Pour Femme

Mercoledì 20/01/2010 da in ,

Commenti (1)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
4 dicembre 2010 19:49

Posso donare i miei capelli anche se ho dei colpi di sole fatti dal parrucchiere? Perchè ho letto che non devono essere trattati chimicamente.

Rispondi Segnala abuso
Scopri PourFemme
torna su