Dieta senza glutine al neonato, Lucas muore a 7 mesi

Avrebbero fatto seguire al loro bimbo di soli 7 mesi una dieta a base di prodotti gluten free senza consultare un medico, ma il piccolo Lucas non è riuscito a superare l'eccessivo calo di peso. Aveva uno stomaco più piccolo della media e pesava solo 4 kg. In Belgio è iniziato il processo ai genitori del piccolo: è un caso che fa discutere.

da , il

    Dieta senza glutine al neonato, Lucas muore a 7 mesi

    AP/LaPresse

    In Belgio un neonato di soli 7 mesi è morto a causa della dieta senza glutine. I genitori, che gestiscono un negozio di generi alimentari naturali a Beveren, avrebbero scelto per lui un regime dietetico gluten free. Il decesso risale al 2014, e ieri si è aperto il processo a carico del padre e della madre del piccolo Lucas. I risultati dell’autopsia non avevano lasciato spazio a dubbi, fornendo un quadro clinico allarmante per un bimbo di quell’età. Visibilmente sottopeso, Lucas aveva uno stomaco ben più piccolo della media. Secondo l’accusa veniva nutrito con alimenti inutili alla crescita, senza alcun tipo di prescrizione medica. Intanto in Belgio è polemica su questo assurdo caso, e sulla facilità con cui vengano somministrati prodotti senza glutine per neonati, senza l’opportuna valutazione di un pediatra.

    Lucas pesava solo 4 kg: la dieta gluten free non è stata prescritta da un medico

    Il piccolo Lucas pesava solo 4 kg e la cosa sconcertante è che i genitori avrebbero deciso di fargli seguire una dieta gluten free senza consultare un medico. Secondo i legali della coppia, si erano convinti che il neonato potesse avere un forma di intolleranza al glutine. In particolare, il latte di quinoa sarebbe stato uno degli alimenti maggiormente somministrati al bambino. Povero di nutrienti , è di tipo vegetale e adatto a chi soffre di intolleranze al lattosio o celiachia. Ma per il neonato non sarebbe mai stata eseguita una valutazione pediatrica utile a comprendere se realmente avesse qualche problema alimentare.

    Lucas morto sottopeso: i genitori a processo

    L’esame autoptico sul bambino ha mostrato chiaramente gli effetti devastanti di un’alimentazione irregolare inappropriata ai bisogni nutrizionali del neonato: Lucas aveva uno stomaco molto più piccolo rispetto ai bimbi della sua età e del tutto vuoto. Sarebbero i genitori, secondo l’accusa, ad aver autonomamente scelto la dieta senza glutine per Lucas, per i quali sarebbe stato allergico al lattosio e intollerante al glutine. La madre ha dichiarato di non aver voluto procurare la morte del piccolo, ma di ricordare che il peso del bambino “a volte aumentava e a volte diminuiva”.

    Ai genitori ora viene contestato il reato di negligenza, contrariamente alla “buona fede” sostenuta dall’avvocato dei due.

    Le polemiche sui prodotti gluten free per neonati

    Si tratta di un caso destinato a far discutere il Belgio, soprattutto in relazione ai rischi che si corrono quando non è opportuna un’alimentazione senza glutine per i bambini. I giudici dovranno stabilire la sussistenza di reato che l’accusa contesta alla madre e al padre di Lucas. Secondo alcune fonti locali, non solo il piccolo non sarebbe stato portato da un medico per la valutazione di un’intolleranza e la prescrizione di un’opportuna dieta, ma i genitori si sarebbero rivolti a un omeopata.

    “Non lo portammo da un medico perché ci sembrava non avesse nulla di strano”, ha detto il padre. Ma per molti è una giustificazione che difficilmente convincerà la Corte.