Dieta Plank, ecco perchè si deve evitare

da , il

    La dieta plank è molto famosa e tra quelle che promettono “miracoli” si posiziona certamente ai primi posti, promette infatti di far perdere 9 chili in due settimane, potrà anche essere vero ma con la salute come la mettiamo?

    Questa dieta, se proprio volete provarla, fatela per una settimana e solo che vi causa giramenti di testa o sacrifici eccessivi, dopo tanto resistere si finisce per mangiare la qualunque e non è il massimo!

    Questa dieta non è bilanciata perchè vengono esclusi dalla vostra alimentazione pane, pasta, grissini e cracker, alcolici e bibite, in teoria il danno più grave deriva dall’eliminazione di pasta e pane che sono importantissimi per il nostro fabbisogno, che poi quando verranno reinseriti vi faranno perdere di nuovo tutti i chili persi.

    Ecco lo schema alimentare da seguire per una settimana:

    Lunedì

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero

    Pranzo: 2 uova sode + spinaci bolliti conditi con poco sale

    Cena: 1 bistecca ai ferri + insalata verde e sedano

    Martedì

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero + 1 panino

    Pranzo: 1 bistecca ai ferri + insalata verde + frutta a scelta

    Cena: prosciutto cotto a volontà

    Mercoledì

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero + 1 panino

    Pranzo: 2 uova sode + insalata e pomodori

    Cena: Prosciutto cotto + insalata verde

    Giovedì

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero + 1 panino

    Pranzo: 1 uovo sodo + carote crude (o bollite) + formaggio magro

    Cena: frutta + yogurt naturale

    Venerdì

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero + carote con succo di limone

    Pranzo: pesce cotto a vapore + pomodori

    Cena: 1 bistecca ai ferri + insalata verde

    Sabato

    Colazione: caffè senza latte nè zucchero + 1 panino

    Pranzo: pollo arrosto

    Cena: 2 uova sode + carote crude (o bollite)

    Domenica

    Colazione: thè al limone

    Pranzo: 1 bistecca ai ferri + frutta a piacere

    Cena: quello che si vuole

    Foto da:

    ablogus.sunderland.ac.uk

    dietdownlow.files.wordpress.com

    www.a-personaldietitian.com