NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Denuncia per violenza sessuale alla No Tav del bacio al poliziotto

Denuncia per violenza sessuale alla No Tav del bacio al poliziotto
da in Cronaca
Ultimo aggiornamento:

    Denuncia per la No Tav

    Neanche il tempo di lasciar spegnere le polemiche, a mezzo stampa ma soprattutto a mezzo social, che si torna a parlare del bacio al poliziotto dato da una No Tav in occasione della marcia contro la linea ad alta velocità Torino-Lione del 16 novembre. Denuncia per violenza sessuale e oltraggio a pubblico ufficiale: ecco la conseguenza legale dell’ultim’ora del gesto provocatorio di Nina De Chiffre, la manifestante responsabile dello slancio affettuoso/spregiativo nei confronti del giovane poliziotto.

    Era il 16 novembre quando durante la marcia contro la Tav, la linea ferroviaria ad alta velocità che dovrebbe collegare Torino a Lione e che scatena da anni polemiche e dibattiti, organizzata da Susa a Bussoleno una giovane minalese, Nina De Chiffre ha dato il famoso bacio al poliziotto. Bacio che, immortalato dalla macchina fotografica, ha fatto il giro della rete, rimbalzando su tv e carta stampata. Inizialmente interpretato come un gesto d’affetto, un segnale positivo di distensione, di una sorta di tregua, espressa in modo originale, tra rappresentanti dello stato e manifestanti. Poi subito chiarito: niente affetto anzi, tutt’altro; il bacio è stato un puro gesto di provocazione e di disprezzo dei confronti delle forze dell’ordine, come precisato a poche ore di distanza dalla stessa attivista.


    La ragazza, adesso, è stata denunciata per violenza sessuale e oltraggio a pubblico ufficiale dal sindacato di polizia, Coisp. Ad annunciarlo il segretario generale dello stesso organo sindacale, che sottolinea come il gesto della giovane manifestante sia un atto da condannare e che, se le parti fossero state invertite la denuncia non avrebbe fatto scalpore, anzi, sarebbe stata considerata d’obbligo.

    327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cronaca
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI