Denise Pipitone, come sarebbe oggi? La foto mostrata in tv accende la speranza

Sulla vicenda della bimba scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo spunta una nuova foto, arrivata alla redazione di Chi l'ha visto? e che potrebbe riaccendere le speranze. Nell'immagine il volto di una ragazza che risulterebbe particolarmente somigliante a quello della simulazione sull'invecchiamento di Denise fatta dai Ris. Disposti nuovi esami del DNA sulle impronte digitali.

da , il

    Denise Pipitone, come sarebbe oggi? La foto mostrata in tv accende la speranza

    Come sarebbe oggi Denise Pipitone? Ancora è prematuro parlare di svolta, o forse anche solo ipotizzarlo. Ma ad accendere la speranza è una foto mostrata in tv dal programma Chi l’ha visto?, che ritrarrebbe una ragazza particolarmente somigliante alla simulazione di invecchiamento fatta dai Ris partendo dalla foto della bambina risalente all’epoca della scomparsa.

    Denise Pipitone: quella foto che riaccende la speranza

    Denise è sparita nel nulla nel 2004 a Mazara del Vallo, e il suo è un enigma paragonabile a quello della piccola Angela Celentano. Di tanto in tanto, in vicende come queste, sembra far capolino qualcosa in grado di produrre una svolta, ma tante volte è una cantonata che non fa altro che affondare la lama nel dolore delle famiglie.

    Ma Piera Maggio, mamma di Denise, non si arrende e batte tutte le piste. Non ultima quella che rimanda alla foto di una misteriosa ragazza, recapitata alla redazione del programma tv Chi l’ha visto?, che potrebbe costituire la chiave di volta nel giallo della scomparsa di sua figlia.

    Nell’immagine di quel volto sconosciuto sembra possano esserci tratti incredibilmente somiglianti alla simulazione di come sarebbe oggi Denise (17 anni il prossimo 26 ottobre), che i Ris hanno puntualmente ricostruito in tutto questo tempo, da quel primo settembre 2004 in cui di lei non si hanno più notizie.

    Mitomani sempre in agguato

    La cautela è assolutamente d’obbligo, quando in gioco ci sono le sofferenze e la sensibilità piuttosto fragile di una famiglia che cerca un proprio caro. Intorno alle vicende di persone scomparse, in questo caso di minori scomparsi, si nascondono spesso le cattive intenzioni di mitomani alla ricerca di un momento di notorietà, o più banalmente (e crudelmente) per un mero gusto di infierire.

    Anche sul caso della piccola Denise non si sono risparmiate le false segnalazioni, e la speranza che la foto apparsa nelle ultime ore possa davvero essere un valido spunto da cui ripartire si mescola facilmente alla triste ipotesi che sia ancora tutto inutile.

    Falsa la dichiarazione choc di una bambina del potentino che si diceva essere Denise: il test del DNA, nel 2015, ha dato esito negativo.

    Un iter giudiziario lungo e difficile

    Si è concluso, intanto, un lungo e difficile iter giudiziario sul caso, che ha visto protagonista la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, entrata nell’inchiesta in veste di indagata per concorso in sequestro di persona e uscita di scena dopo la conferma di assoluzione in Cassazione, lo scorso aprile. Con lei era finito sotto la lente della procura anche l’ex fidanzato, Gaspare Ghaleb, accusato di false dichiarazioni al pm e condannato per questo a 2 anni di carcere.

    L’inchiesta riparte dalle impronte digitali: disposto l’esame con nuove tecniche

    La Procura di Marsala ha inviato al Ris dei carabinieri di Messina le impronte rilevate dagli inquirenti nell’immediatezza della scomparsa, repertate in diversi luoghi (tra cui anche varie automobili). L’inchiesta riparte da qui, e saranno le nuove tecniche a disposizione delle indagini, all’epoca dei fatti ancora assenti, ad approfondire l’eventuale presenza di DNA.

    Si tratta di accertamenti chiesti dall’avvocato di parte civile, Giacomo Frazzitta, e da Piera Maggio, e hanno il precipuo scopo di rilevare se vi siano tracce di Denise.

    La richiesta iniziale era circoscritta ad alcune impronte, ma la procura, evidentemente per non lasciare nulla di intentato, ha esteso l’analisi a tutte le impronte digitali rilevate nel 2004.

    Dolcetto o scherzetto?