Curare l’ansia con la medicina alternativa

da , il

    Oggi vi spieghiamo come curare l’ansia con la naturopatia, una tecnica che consiste nell’impiegare vari metodi naturali. L’ansia, come la depressione, è difficile da curare perchè coglie all’improvviso e non si sa mai come e quando ne usciremo.

    Una ricerca condotta in Canada ha cercato una cura alternativa ai classici metodi occidentale. I medici canadesi hanno seguito 75 pazienti per 8 settimane che sono stati curati con due metodi diversi: il trattamento naturopatico che consisteva in colloqui settimanali di mezz’ora per stimolare a uno stile di vita sano, l’assunzione di un integratore vitaminico e un estratto dell’erba Withania somnifera, l’altro invece è la terapia occidentale comprendente psicoterapia cognitiva-comportamentale e un placebo.

    I pazienti di entrambi i gruppi hanno mostrato miglioramenti ma con la neuropatia il riscontro è stato più forte. Fabio Firenzuoli, direttore del Centro di medicina naturale dell’Ospedale di Empoli ha dichiarato: “Più del risultato positivo conta aver dato prova che il metodo scientifico può e deve essere applicato alla verifica delle medicine complementari. Le piante con effetti anti-ansia dimostrati scientificamente sono poche: le evidenze maggiori ci sono per kava-kava, non più in commercio però dopo alcuni casi di epatite, e iperico, usato per l’ansia a sfondo depressivo. Oggi si aggiunge la Withania, o ginseng asiatico, da non confondere con quello coreano che ha tutt’altre azioni“.

    E’ importante capire come aiutare le persone che soffrono di attacchi di ansia con metodi non farmacologici, ad esempio riscontri positivi sono stati ottenuti anche con l’agopuntura, l’omeopatia,l’ayurveda e dello yoga che promuovono il benessere di corpo e mente.

    Il medico Di Giannantonio puntualizza: “Tutto ciò che mantiene e migliora il benessere psicofisico può avere un ruolo contro l’ansia. Le cure alternative vanno però usate nel contesto di una diagnosi attenta: in chi ha un disagio o un disturbo psicopatologico gli interventi devono essere mirati e incisivi.”

    Foto da:

    www.psicoterapiapsicologia.it www.psicologo-psicoterapeuta-firenze.net www.mariaieropoli.it www.grandeportale.com