Creme per il viso anti-age, come sceglierle in base agli ingredienti

da , il

    Creme anti age novita

    Le creme per il viso, specialmente quelle ad azione anti-age, sono fondamentali per la cura della nostra bellezza. Una pelle del viso sana, compatta e levigata è sempre frutto di una sinergia che include una buona alimentazione, uno stile di vita salutare, zero sigarette e naturalmente trattamenti cosmetici efficaci e modulati sulle caratteristiche individuali. Per purificare, idratare e nutrire la delicata cute del nostro viso dobbiamo avvalerci di prodotti di ottima qualità, che siano possibilmente naturali e bio, arricchiti con principi attivi in grado di agire in profondità rivitalizzando i nostri tessuti, e possibilmente che non incidano eccessivamente sul nostro portafogli.

    L’ultima tendenza in fatto di creme è quella green, eco compatibile, che unisce la naturalità delle sostanze selezionate (in genere fitoestratti e oli essenziali) con le più recenti e sofisticate tecniche di lavorazione cosmetica. Ma sono davvero tantissime le novità che stanno arrivando, o lo faranno molto presto, sui banchi delle profumerie e delle farmacie. Prodotti esclusivi, realizzati a partire da principi attivi estratti da minerali, piante e persino cellule staminali, che promettono risultati straordinari sulla nostra pelle. Libere dalle rughe senza doverci avvalere delle sempre più avversate “punturine” di botox e filler vari? Vediamo qualche anticipazione.

    Creme a base di pietre preziose?

    A Roma si sta svolgendo un Congresso nazionale che vede riunita la Società italiana di Medicina estetica (Sima), dal titolo “Il vero e il falso sui cosmetici”. Proprio in occasione di questo incontro si è parlato delle novità relative alle creme anti-age che presto avremo a disposizione per curare la nostra bellezza. Ciò che colpisce maggiormente la nostra fantasia (in quanto profane), è senza dubbio il curioso e inedito mix di elementi utilizzati per creare queste emulsioni cosmetiche. Ad esempio, l’uso di pietre e di minerali preziosi, che racchiudono, a quanto pare, tutte le virtù della terra. Parliamo di pietre come smeraldi, diamanti o tormalina, sempre più spesso inseriti come ingredienti nelle creme. Ci spiega il loro funzionamento la dott.ssa Carla Scesa delle Università di Siena e Roma (Cattolica): “Contengono oligoelementi, derivati minerali che accelerano le reazioni biochimiche delle cellule. Le pietre vengono macinate in polveri finissime e incorporate all’interno delle creme, dove rilasciano questi oligoelementi. Sono forse nate come una boutade di marketing ma alla fine ci sono sostanze che funzionano davvero”.

    Le nuove frontiere dell’anti-age

    Ma la nuove frontiere della cosmetica anti-age sono tantissime, alcune puntano soprattutto a prevenire il foto invecchiamento, ad esempio le creme a base di “carnosina”. “E’ una nuova frontiera di ricerca che servirà a combattere i processi di invecchiamento. Interessante la carnosina, potente anti-invecchiamento, piccola molecola che abbiamo nei muscoli, nel cervello e nelle strutture che devono durare più a lungo”. Sempre validi alcuni principi attivi di vecchia conoscenza, come l’olio di avocado e l’olio di Argan, specialmente se abbinati a molecole in grado di renderli fruibili dai nostri tessuti cutanei. E le ormai popolarissime BB Cream, le creme colorate che stanno sostituendo i fondotinta come base per il trucco? “Sono balsami per la pelle che cancellano più difetti, dalle rughe alle macchie ai brufoli in un colpo solo”, spiega l’esperta.

    Creme a base di staminali, e non solo

    Veniamo al capitolo staminali come eccipienti delle creme viso anti-age. “Se ne parla molto ma in modo molto inesatto – spiega opportunamente la dott.ssa Scesa – In realtà si impiegano sostanze estratte da staminali vegetali e non umane, che sono stimolanti per la cute. Eccellenti invece gli anti-radicali da pino marittimo, pomodoro, uva e tutti i carotenoidi delle piante colorate. Infine promossi gli attivi dalle piante che vivono in condizioni estreme, come in Siberia, ad azione biostimolante, come la rhodiola rosea, che si usava come antifame e oggi è emolliente, idratante e antinvecchiamento”. Insomma, non abbiamo che l’imbarazzo della scelta, tra creme a base di pietre, piante e alimenti. Opteremo, come sempre in questi casi, per il prodotto con il miglior rapporto qualità-prezzo.