Contraccezione: arriva il pillolo

da , il

    Arriva il pillolo che però in realtà non è una pillola ma una punturina che sembra presentarsi come una valida alternativa agli anticoncezionali femminili con cui conviviamo da anni e anni, il pillolo è ancora in fase di sperimentazione ma i risultati sono stati sorprendenti e pare che entro 5 anni sarà disponibile sul mercato mondiale.

    Il pillolo è già l’amico preferito delle donne, e come potrebbe non esserlo? Ci libera dalle pillole che ci gonfiano di ormoni, dalla spirale, dal diaframma e dalle creme spermicide, insomma una liberazione! Ovviamente il preservativo non è più necessario come anticoncezionale perchè il pillolo, come la pillola, è efficace nel 99% dei casi, però è essenziale per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili.

    Il pillolo è una punturina che si fa nel sedere del maschio e consiste in un concentrato di testosterone che agisce temporaneamente bloccando la produzione degli spermatozoi. Lo studio è stato effettuato dal National Research Institute for Family Planning di Pechino e poi pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, il dottor Yi-Qun Gu, il responsabile della ricerca ha dichiarato: “Il pillolo ha dato risultati molto positivi. Fino ad oggi, le coppie che non possono o preferiscono non usare i contraccettivi femminili, potevano ricorrere alla vasectomia, al preservativo o al coito interrotto. Il nostro studio dimostra come il contraccettivo ormonale maschile possa diventare la nuova, valida alternativa“.

    Il pillolo sembra essere una pozione magica che a noi non riserva altro che il piacere, ma c’è da fidarsi? Il maschio si ricorderà di farsi la punturina? Sarà disposto a farsi delle punture per fare sesso e liberarci dai contraccettivi?

    Oltre a queste domande ne sorge un’altra, che tipo di effetti collaterali si possono riscontrare?

    Foto da:

    wa3.images.onesite.com

    cecio.krur.com

    images.teamsugar.com

    www.politics.co.uk