Come decorare le uova di Pasqua [FOTO]

Come decorare le uova di Pasqua [FOTO]
da in Cucina, Dolci, Lusso, Pasqua 2016, Style, decorazioni, uova di Pasqua
Ultimo aggiornamento:

    Uova, uova, uova! Ovunque uova da decorare e da mangiare, perché simbolo della Pasqua, della rinascita, ma anche, semplicemente della primavera, che stimola il rifiorire della natura. L’uovo come potente metafora della vita in germe, di tutto ciò che è potenziale, dell’energia del creato pronta a schiudersi (proprio come una bella sorpresa da scoprire). Insomma, comunque la vogliate vedere, non può essere Pasqua senza uova, e non ci si può neppure limitare a quelle da mangiare, seppur di cioccolato (golosissime e amatissime dai bambini). Facciamo perciò un piccolo viaggio dentro al magico mondo della uova pasquali, decorate e decorative, spesso e volentieri vere e proprio opere d’arte.

    Uovo di cioccolato fiorito

    Cominciamo, naturalmente, con le uova di cioccolato, delizia per il palato, ma non di rado anche piccoli capolavori della pasticceria artigianale. Se, infatti, per i bimbi di solito ci limitiamo ad acquistare le uova confezionate di produzione industriale, che sono ispirate, logicamente, ai personaggi dei cartoni preferiti dai più piccini e con sorpresa in tema, gli adulti possono sbizzarrirsi con qualcosa di più sofisticato. Sicuramente sarà necessario sborsare qualche Euro in più, ma vogliamo mettere la soddisfazione? Sono tantissime le pasticcerie artigianali che su ordinazione creano della meraviglie con il cioccolato, che sia bianco, fondente, arricchito di nocciole o, addirittura, decorato con materiali nobili come l’oro. Uova rococò, con tanto di deliziosi ricami di cioccolato o glassa colorata, ripieni di praline o di altre piccole uova, un po’ come le matrioske. Uova enormi o piccolissime. Ma sapete quando si iniziò a realizzare uova di cioccolato per la Pasqua? Si tratta di una moda recentissima, risalente solo al secolo scorso, perché prima, le uova (decorate o meno), si regalavano solo vere…

    Coccoi di Pasqua con uovo

    Il pane artigianale di Pasqua con le uova di gallina è una bellissima tradizione gastronomica che è diffusa in diverse regioni d’Italia, tra cui, molto famosi, i coccoi sardi e il pane dolce siciliano detto u’ pupu cu’ l’uovu. Sono preparazioni speciali, che in altri tempi in tutte le case si potevano trovare in concomitanza con le celebrazioni pasquali, e che erano particolarmente gradite dai più piccini. Ma anche in altri Paesi del Mediterraneo, come ad esempio la Grecia (in cui le uova sono dipinte di rosso a simboleggiare il sangue di Gesù morto in croce) o l’Egitto, è presente questa tradizione che si fa risalire ad un’epoca pre cristiana. L’uovo, infatti, era simbolo sacro anche per i pagani, perché rappresentava l’unione tra il cielo e la terra, un simbolo di fecondità.

    Mixed Eggs

    Le uova colorate e decorate da regalare a Pasqua si diffusero molto presto, già in epoca medievale. La tradizione è arrivata fino a noi praticamente integra, l’unica variante sta nel fatto che invece dei coloranti naturali derivanti dai cibi (cipolle, barbabietole, spinaci ecc.), noi possiamo anche contare su quelli alimentari sintetici (ma sempre rigorosamente atossici). In particolare nel mondo anglosassone, si è radicata la consuetudine di far colorare e decorare le uova ai bambini, in vista della “caccia alle uova di Pasqua”, che si svolge proprio il giorno della domenica. Qui entra in ballo il celebre e dispettoso coniglio pasquale, che si occupa di nascondere tutte le uova preparate dai bimbi nel prato, in modo che poi la caccia possa avere luogo…

    Uova Faberge

    Le uova decorate possono anche non essere edibili, ma dei veri e propri gioielli. E’ il caso delle splendide uova Fabergé, opere d’arte in materiali preziosissimi come oro, pietre e smalti e realizzate tra il 1885 e il 1917 dall’orafo Peter Carl Fabergè e eredi, per gli zar di Russia. Una collezione composta da 57 magnifiche creazioni originali, caratterizzate dal fatto di contenere una sorpresa, naturalmente ricchissima, all’interno. Il primo uovo venne commissionato al gioielliere dallo zar Alessandro III per essere donato alla zarina Maria Fyodorovna, e il risultato fu talmente strabiliante da indurlo a ripetere la cosa anche per gli anni successivi. Alcune uova purtroppo sono andate perdute, ma molte le possediamo ancora, capolavori conservati in musei pubblici e collezioni private.

    897

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CucinaDolciLussoPasqua 2016Styledecorazioniuova di Pasqua Ultimo aggiornamento: Mercoledì 02/05/2012 15:10
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI