Come curare le piante: le begonie

da , il

    Una delle piante più conosciute e coltivate nelle nostre case è la Begonia. Appartiene alla famiglia delle Begoniaceae, comprende più di 10000 specie ed è originaria delle zone tropicali.

    Volete sapere come prendervene cura?

    Dato che le specie sono più di 10000, mi sembra impossibile elencarle e descriverle tutte! Le più note sono sicuramente la Begonia Semperflorens e la Begonia Venosa, che a loro volta fanno parte del gruppo delle Begonie fascicolate.

    La prima è originaria del Brasile e raggiunge un’altezza massima di 50 cm circa; fiorisce da giugno ad ottobre e i suoi fiori possono essere bianchi, rosa o rossi.

    Anche la Begonia Venosa è originaria del Brasile, ma i suoi fiori sono solo bianchi e le foglie sono ricoperte da una sorta di peluria.

    Tutte le Begonie, essendo piante originarie delle zone tropicali, hanno bisogno di molta umidità, ma bisogna fare attenzione a non creare ristagni altrimenti la pianta si riempirà di funghi.

    Per evitare questo basta mantenere umido l’ambiente dove è posizionata la begonia garantendo un buon ricambio d’aria (evitando in maniera assoluta le correnti).

    Le specie Sempreflorens e Venosa non amano il sole diretto: quando la temperatura supera i 20° la pianta va messa all’ombra.

    Per mantenere l’ambiente umido, basta posizionare il vaso della begonia su uno strato di ghiaia dove deve sempre esserci un po’ d’acqua.

    Devono essere annaffiate quando lo strato superficiale del terriccio è asciutto. Anche le foglie vanno nebulizzate, facendo attenzione a non bagnare i fiori.

    Foto:

    downeastflowers.com

    www.bbc.co.uk

    imagecache5.art.com

    z.about.com