Come curare le piante: il geranio

da , il

    Il geranio è una tra le piante da fiore più coltivate ed apprezzate. In tarda primavera e in estate il geranio diventa il protagonista assoluto e rende balconi e terrazze ricchi di colore.

    La sua caratteristica principale è la fioritura che dura per molti mesi.

    Il geranio è una pianta da esterno molto facile da coltivare perché non richiede molte cure. Appartiene alla famiglia dei Pelargonium ed è originario dell’Africa meridionale.

    Per coltivare i gerani, bisogna scegliere dei vasi ampi, che vanno posti in un luogo soleggiato. I fiori dei gerani hanno colori molto vivaci, ma ne esistono anche bianchi o sfumati bianco-rosa.

    Il geranio deve essere annaffiato regolarmente, e per favorire le continue fioriture, bisogna eliminare i fiori appassiti, evitando di lasciarli a lungo sulla pianta. Il geranio ha bisogno di concimazione, che va effettuata in primavera, prima della fioritura, con prodotti appositi.

    Il geranio non tollera il gelo, quindi nella stagione fredda potete metterlo al riparo in un posto asciutto e illuminato, avendo l’accortezza di controllare la temperatura, che non dovrà mai scendere al di sotto dello zero. Prima di metterlo al riparo dovete effettuare la potatura, tagliando i rami fino a lasciarli ad un’altezza di circa 15 cm. All’inizio della primavera, dovrete rinvasarlo, cambiando il terriccio, concimarlo ed esporlo nuovamente all’aperto.

    Esistono diversi tipi di geranio.

    Geranio edera doppio. E’ uno dei più coltivati. La caratteristica che lo rende particolare è la forma dei rami, ricadenti a cascata. I fiori sono di diversi colori: rossi, fucsia, arancione, lilla, banchi, rosa e sfumati. Va coltivato in vaso ed esiste in due varietà: la prima con fusto bianco, mentre la seconda ha il fusto verde. La varietà con fusto bianco è più delicata.

    Geranio zonale. Può essere coltivato nei vasi ma anche in giardino nelle zone dove l’inverno non è troppo rigido. Fiorisce fino all’autunno. Le sue foglie sono grandi e rotonde.

    Geranio imperiale. La sua fioritura dura meno rispetto alle altre qualità. I fiori hanno colori molto vivaci e sono grandi, con 5 petali ciascuno. Nei mesi più caldi (luglio e agosto), questi gerani vanno tenuti all’ombra. Possono essere coltivati sia in vasi che nel giardino, ma in inverno la temperatura non deve scendere al di sotto dello zero.

    Geranio capitatum. Da questa specie si ricava l’olio essenziale di geranio. I suoi fiori sono di colore rosa e molto profumati. Ha bisogno di un’esposizione continua alla luce e può essere coltivato solamente nei vasi, avendo cura di annaffiarlo quotidianamente e abbondantemente. Quando termina l’ultima fioritura, in autunno, va potato e conservato al riparo dal freddo.

    Geranio odoroso. Come dice il nome, è una pianta dal profumo molto intenso. I suoi fiori sono bianchi e meno abbondanti rispetto alle altre specie. Va coltivato nei vasi, e ha bisogno di piena luce. Non sopporta le temperature che scendono sotto lo zero.

    Nella fotogallery, potete ammirare delle bellissime immagini di gerani.

    Foto:

    stefaniaferri.files.wordpress.com

    www.partecipiamo.it

    www.corbis.com

    media.photobucket.com

    farm1.static.flickr.com

    www.ctgrowers.com